Abbadia, parchi sul lago a pagamento: «Costretti dalle norme anti-Covid»

Da questo weekend sperimentazione al Parco Ulisse Guzzi, seguiranno Parco Chiesa Rotta e Pradello. Il sindaco Azzoni: «Non abbiamo alternative per garantire il distanziamento». Le spiagge restano libere ma i gestori potranno far pagare servizi come sdraio e lettini

Bagnanti ad Abbadia in zona Parco Ulisse Guzzi (Foto di repertorio)

Spiagge a pagamento ad Abbadia? No, ma l'accesso ai parchi e alle aree verdi sarà regolamentato dai gestori in quanto unico modo per garantire il distanziamento sociale e il regolare rispetto delle norme anti-Covid 19. Per quanto riguarda le spiagge, di proprietà del Demanio, resteranno libere ma si potranno acquistare servizi come sdraio e lettini, sempre nell'ottica del contingentamento che caratterizzerà l'estate 2020 e forse anche oltre.

A spiegare come cambierà la stagione balneare di Abbadia è il sindaco Roberto Azzoni. «Martedì scorso in Consiglio comunale abbiamo approvato i regolamenti per le due aree site nel territorio comunale, Parco Ulisse Guzzi e Parco Chiesa Rotta. L'accesso non può essere più libero ma contingentato, abbiamo così dato possibilità ai gestori di introdurre una tariffa, come previsto dai recenti Dpcm. Voglio essere chiaro: se i gestori non saranno in grado di farlo, non potremo che chiudere i parchi. Non esistono alternative».

Beruschi: «Spero di poter tornare al più presto nella mia amata Abbadia»

Nessuna scelta pretestuosa o "di cassetta" (il Comune introiterà soltanto il 10%), ma il solo modo per far rispettare le regole. «I gestori stessi si trovano di fronte a investimenti necessari a causa delle norme anti-Covid - prosegue Azzoni - Da qui la proposta dell'Amministrazione di introdurre un pagamento all'ingresso, comprendendo anche l'area di Pradello che ha le stesse caratteristiche delle altre due. Questo garantirà la sicurezza, come distanziamento sociale e per tutte le altre norme previste».

Al momento l'accordo è stato raggiunto soltanto con il gestore del Parco Ulisse Guzzi; dopo la delibera di Giunta firmata martedì, la sperimentazione partirà nel weekend in arrivo. «Noi - spiega il primo cittadino - abbiamo posto come paletto che i residenti di Abbadia, gli over 65 e gli under 10 non debbano pagare, questo per non penalizzare le famiglie, e che ci sia un occhio di riguardo per i gestori di casa vacanze e hotel comprendendo speciali pacchetti turistici».

Perché le spiagge restano libere

Nessun "balzello" per chi vorrà prendere la tintarella sulla spiaggia. «Sono proprietà demaniali e devono restare pubbliche - chiarisce Azzoni - ma allo stesso tempo l'Autorità di bacino dice che il sindaco deve garantire il contingentamento e il distanziamento: in questo modo ha dato possibilità a chi è interessato di prendere in gestione un tratto di spiaggia per concedere in affitto sdraio e lettini, garantendo così il distanziamento che il Comune, con le proprie esigue forze, non potrebbe fare. Ci stiamo ancora riflettendo». 

Pradello, compaiono anche le sdraio: sui social è rivolta contro le novità

Il sindaco difende la propria posizione, già oggetto di qualche inevitabile critica. «È strano se pensiamo che fino a settimana scorsa i ragazzi non potevano stare  insieme a scuola e ora sono ammassati sulla spiaggia - spiega - Quest'anno è una situazione particolare e dobbiamo trovare soluzioni per garantire ordine e sicurezza per tutti. È difficile ma siamo amministratori e non possiamo discutere le norme, bensì applicarle».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Pradello la protesta è partita forte con una petizione già sottoscritta da centinaia di persone. «Per quanto riguarda i parcheggi a pagamento, l'iniziativa era in atto dallo scorso anno e dall'Amministrazione uscente, per dare una certa organizzazione all'area. Posso capire la questione di petto della petizione, ma non ci sono alternative per garantire la sicurezza di chi frequenta queste aree».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Valmadrera, tragedia sul Sentiero delle Vasche: ritrovato un corpo senza vita

  • Mandello piange Marco Maggioni, scomparso a 55 anni

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Ritrovata e affidata alla famiglia la minorenne scomparsa da Rogeno

  • Nudi in spiaggia ad Abbadia, in sei multati dai carabinieri

  • Ragazzi senza patentino scappano dopo l'incidente: oltre 5.000 euro di multa

Torna su
LeccoToday è in caricamento