Sindacati e associazioni "rosa" bocciano il calendario Fiocchi

Dura presa di posizione sull'annuario che ritrae le lavoratrici con le munizioni. «Ci addolora che donne abbiano prestato volto e corpo a un'operazione che consolida la mercificazione sessista»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Quest'anno la ditta Fiocchi Spa di Lecco ha prodotto un calendario che raffigura figure femminili ritratte con le munizioni per armi prodotte in azienda, che opportunamente "rivisitate" e indossate da donne, diventano oggetti utilizzati nella vita quotidiana: bicchieri, scacchi, ma anche strumenti tipicamente femminili come rossetti, collane e specchietti.

Riteniamo assolutamente scorretto stabilire analogie tra strumenti di guerra e oggetti di trucco o di gioco o di uso comune; le armi non sono parte della vita quotidiana, ma strumenti di morte e guerra.

Particolarmente grave ci appare l'uso del corpo femminile per valorizzare armi, soprattutto alla luce di anni di lotte che ci hanno impegnato per realizzare l'emancipazione femminile e per contrastare la mercificazione del corpo della donna per veicolare messaggi pubblicitari.

Calendario 2019: alla Fiocchi le lavoratrici diventano modelle

Riteniamo insultante questo utilizzo dell'immagine delle donne, fonte di vita e non di morte, proprio nel 2019, anno in cui è stato attribuito il premio Nobel per la pace a Claudia Murad, donna vittima di stupro, anche questa forma di violenza usata come arma nei paesi in cui c’è la guerra.

Riteniamo che per ricordare degnamente i caduti sul lavoro (nella fattispecie si tratta di una donna), appare più significativa un'azione concreta, finalizzata ad investire risorse ed energie per migliorare la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Stefano Fiocchi: «Sorpreso da tanto clamore»

Ci addolora inoltre che proprio delle donne, colleghe di colei che si vuole ricordare, abbiano prestato il proprio volto e il proprio corpo ad una operazione omologa alle tante, che quotidianamente vengono realizzate e tese, non ad esaltare la bellezza femminile, ma a consolidarne la mercificazione sessista in atto.

Riteniamo di esprimere ai famigliari della vittima cordoglio e solidarietà. Riteniamo di suggerire agli autori del calendario di "dedicare" uno spazio o locale dell'azienda alle donne vittime di infortunio mortale sul lavoro. Crediamo questo sia un modo, opportuno e permanente nel tempo, per ricordare chi di lavoro muore.

Adriana Ventura, consigliera di parità della Provincia di Lecco
Lucia Codurelli, presidente Fondo Zanetti Lecco
Olimpia Schiavone, componente Fondo Zanetti Lecco
Gabriella Ferrari, responsabile Coordinamento Femminile Cisl Monza Brianza-Lecco
Francesca Seghezzi, Coordinamento Femminile Cgil Lecco
Dina Vergottini, componente Spi Cgil Lecco
Salvatore Monteduro, segretario Generale Uil Como-Lecco
Stella Borghini, presidente Udi sede di Lecco 
Lella Vitali, presidente Telefono Donna Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento