Fontana chiede a Lamorgese se il Dcpm prevale sulla sua ordinanza

Il governatore interpella il ministro dell'Interno per sapere se il provvedimento di Conte scavalca le sue restrizioni. «I miei tecnici dicono di no»

Il governatore Attilio Fontana

«Ho inviato una richiesta ufficiale al ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, affinché il Ministero esprima il suo parere formalmente e stabilisca se in Lombardia debba essere applicata la nostra ordinanza, in virtù del fatto che le disposizioni della norma regionale, dettate dalla specificità della situazione di urgenza, sono più restrittive e devono rimanere in vigore o se questa sia superata dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri. I cittadini devono avere certezze».

Coronavirus, Fontana fa da sè: sospesi i mercati e i cantieri, chiusi gli studi, fermato tutto lo sport all'aperto

Lo ha annunciato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Resta il fatto - ha sottolineato il presidente - che nella nostra ordinanza ci sono restrizioni maggiori. Ho già chiesto un parere al nostro ufficio legale e la prima risposta che ho ricevuto è che deve prevalere l'ordinanza regionale. In ogni caso, dal momento che ritengo che non si debba creare alcun conflitto, attendo la risposta del Governo».

«Non ho ancora visto i dati - ha proseguito in giornata il governatore - ma incrociando le dita, il trend dei contagi sarebbe stabile e in linea con quelli di ieri. Speriamo di poterlo confermare». Fontana ha poi illustrato il provvedimento adottato oggi dalla Giunta regionale che prevede un coinvolgimento maggiore dei medici di Medicina generale. «Abbiamo previsto e concordato con loro - ha spiegato - che eseguano il monitoraggio di tutti quei pazienti, anziani, fragili o con patologie, e positivi al virus che non necessitano di ricovero ospedaliero. Sarà loro cura sentirli telefonicamente o con l'ausilio della telemedicina e qualora si rendesse necessario, recarsi al loro domicilio per verificare personalmente lo stato di salute».

Positivi anche in albergo

«Nella stessa delibera - ha aggiunto Fontana - è inoltre previsto per i pazienti positivi al Covid-19, asintomatici, di poter effettuare l'isolamento negli ospedali da campo o nelle strutture alberghiere, qualora non fosse possibile effettuarlo nelle proprie abitazioni, per spazi inadeguati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus. La famiglia Rovati acquista 260 ventilatori polmonari per l'ospedale in Fiera

Il presidente ha quindi aggiornato sullo stato di avanzamento degli ospedali da campo dislocati sul territorio regionale: «L'ospedale della Fiera di Milano - ha detto - procede e tutto sta andando avanti nel rispetto dei tempi che ci eravamo dati. A Cremona è partito quello con la gestione dell'Ong statunitense e a Crema è arrivata la brigata di medici cubani che rafforzera' la rete medica. A Bergamo sono in corso gli ultimi lavori e a breve l'ospedale degli Alpini sarà operativo. Sempre oggi è stata inaugurata la tensostruttura dell'ospedale San Raffaele che può quindi iniziare a ricevere i primi pazienti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate in arrivo, come allontanare le formiche da casa utilizzando rimedi naturali

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Nubifragio nel Lecchese: allagata la strada provinciale a Garlate

Torna su
LeccoToday è in caricamento