«Grazie, misterioso artista»: è lecchese la mano che ha ritratto il volto di Nadia Toffa

Giorgio Colombo, dottore in urbanistica e artista, ha attirato l'attenzione della giornalista bresciana de "Le Iene". La sua opera, diffusa sul web, verrà consegnata nelle prossime settimane alla giornalista

Giorgio Colombo, dottore in urbanistica e artista lecchese

E' lecchese la mano che ha disegnato, con la tecnica dei pastelli secchi su Pastelmat (un tipo di carta ruvida), il ritratto apprezzato e postato da Nadia Toffa sul suo profilo Instagram. La nota giornalista bresciana de "Le Iene", infatti, nel fine settimana ha diffuso una fotografia raffigurante il suo primo piano, ringraziando per l'opera realizzata: «Ciao bella gente! Uno di voi mi ha fatto questo ritratto. Bravo, no?! Fatti vivo che ti facciamo tutti un applauso virtuale», ha scritto la "iena".

La mano di Gio Art per il ritratto di Nadia Toffa

Ebbene, a realizzarlo è stato Giorgio Colombo, in arte Gio Art, quarant'anni, lecchese di nascita e ballabiese di residenza, laureato in pianificazione urbanistica, lavoratore presso una pubblica amministrazione, che non è nuovo a questo tipo di riconoscimenti pubblici: in passato, infatti, ha realizzato e consegnato ai diretti interessati, i ritratti di, tra gli altri, Fedez, Katia Ricciarelli, Alessandra Amoroso, Paola Iezzi (dell'ex duo Paola&Chiara), Virginia Raffaele, del campionissimo lecchese Antonio Rossi, di Dario Ballantini, Giuseppe Dossena, Alain Boghossian, Ficarra&Picone, Francesco Renga, Alan Sorrenti, Marco Mengoni, Dolcenera, Cristina Chiabotto e Ilary Blasi.

La consegna a "Le Iene"

Come avvenuto nei casi sopracitati, nel prossimo periodo il ritratto di Nadia Toffa verrà consegnato da Colombo alla giornalista, diventata, negli ultimi anni, anche uno dei volti più noti per lotta al cancro, malattia di cui soffre e di cui parla periodicamente. «Chiaramente non andrò in onda, ma le consegnerò il ritratto dietro le quinte. Non so se poi lei deciderà di fare un ringraziamento in onda, attualmente non è previsto».

Com'è arrivato, per ora solo virtualmente, il ritratto nelle mani della giornalista? «Grazie a Marika Cislaghi di Parter TV, che organizza il pubblico di buona parte delle trasmissioni di Mediaset e si occupa del casting. Lei ha inviato l'opera a uno degli autori de "Le Iene" e da lì a Nadia, che, a mia sorpresa, autonomamente ha deciso di postarlo sulla sua pagina. Il fatto mi è stato segnalato da un amico che la segue su Instagram». Tra la prossima settimana e quella successiva Giorgio dovrebbe recapitare fisicamente il suo manufatto nei camerini milanesi.

Il progetto di Gio Art

«Il mio obiettivo è quello di consolidare un progetto nato nel 2015, con Parterre TV sono facilitato nel realizzare le consegne dei miei lavori. Ho una formazione artistica al Liceo Artistico "Medardo Rosso" e, soprattutto, ho questa passione sin da bambino. Ho fatto poi delle scelte di studio più razionali, ma mi è rimasta questa passione che mi piacerebbe anche trasformare nella mia professione. Ho sempre optato per scelte alternative alle fiere di paese. Ovviamente, faccio anche astrattismo, scorci del lago e lavori su commissione. E' sicuramente il progetto a cui più tengo e che mi dà più soddisfazione personale. Quando mi muovo autonomamente e vado alle presentazioni di albumo o libri gli artisti sono positivamente sorpresi dalle mie opere».

Il post di Nadia Toffa su Instagram

Ciao bella gente! Uno di voi mi ha fatto questo ritratto. Bravo, no?! Fatti vivo che ti facciamo tutti un applauso virtuale 💋❤️ statemi bene ragazzi e buona neve #neve #freddo ❄️ e buona giornata 💥

Un post condiviso da nadia toffa (@nadiatoffa) in data:

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Garlate, occhio alla truffa dei finti tecnici del gas: «Nessun autorizzato»

  • Cronaca

    Oggiono, giovane esagera con l'alcool e finisce in ospedale

  • Attualità

    Bilancio positivo per il progetto “Dolci coccole”, a sostegno dei degenti in Oncologia

  • Attualità

    Video | Da Lecco a Pradello a piedi o in bicicletta: la ciclopedonale vista dall'alto

I più letti della settimana

  • Incendio di Sorico: multa milionaria per la grigliata che ha dato via al maxi rogo

  • Notte tragica: ritrovato cadavere nel lago di Annone

  • Turismo religioso: i cinque luoghi più spirituali da visitare in provincia di Lecco

  • Incidente nell'Attraversamento: traffico bloccato sulla Statale 36

  • Lecco-Pradello: aperto il primo tratto della ciclopedonale che porterà nel cuore di Abbadia

  • Cade con il motorino e picchia la testa: muore ragazzo di 20 anni

Torna su
LeccoToday è in caricamento