Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

Le sigle sindacali spiegano la situazione vissuta all'interno del punto vendita di Lecco: «La direttrice, sollecitata, ordina costantemente di far entrare i clienti»

Stato di agitazione ai supermercati Iperal. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil chiedono chiarimenti alla società valtellinese. A differenza di altri supermercati, infatti, Iperal non avrebbe preso in considerazione la richiesta di lavoratrici e lavoratori di rimanere chiusi anche solo la domenica o durante le feste comandate, non permettendo loro né di rifiatare un giorno né di stare vicini ai propri familiari. E' quanto riferiscono le sigle sindacali sopracitate.

«Iperal, situazione al limite per i lavoratori»

«Riteniamo che ogni lavoratore debba permanere il meno possibile nei luoghi di lavoro ove i contatti e i rischi sono oggi costanti ed elevati e lo diciamo perché la salute delle persone deve venire prima di ogni altra cosa», afferma Marco Paleari, segretario di Filcams Cgil Lecco. «Siamo costretti a denunciare una situazione ormai al limite delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro al punto vendita di Lecco, così come decretato con il protocollo del 14 marzo scorso con il Governo per la prevenzione e il contrasto alla diffusione del Covid-19 – prosegue –. Da giorni, ormai, il flusso della clientela non viene più normato nel rispetto del protocollo, questo causa affollamenti all’interno del supermercato con code anche di dieci persone alle casse, senza curarsi delle distanze. La situazione è ben nota alla direttrice, che piuttosto che agire nel bene dei lavoratori, ordina costantemente di far entrare i clienti».

Mancano anche i dispositivi di protezione. «I dipendenti vanno a lavorare con la paura di potersi contagiare – afferma Paleari –, guanti e mascherine non sempre sono presenti nelle quantità adeguate. Inoltre i turni sono massacranti, c’è tensione, molte lamentele dei clienti. In più devono affrontare anche il disagio dell’incuria aziendale che non vuole normare il flusso, che sicuramente aumenterà sotto Pasqua».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo le organizzazioni sindacali vogliono più tutele per i dipendenti. «Chiediamo di intervenire nella regolamentazione dei flussi, in modo coretto e costante, far rispettare le distanze e gli assembramenti, sperando, che come è successo in questi giorni non debbano essere i lavoratori, esasperati a chiamare la vigilanza urbana per far rispettare le regole, come accaduto all’Iperal di Lecco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

Torna su
LeccoToday è in caricamento