Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvati dalla morte a dicembre, oggi i cigni sono una meraviglia del Lago di Oggiono

La storia: uno di loro, cucciolo, rimase impigliato nelle corde di pesca e fu proprio un pescatore a liberarlo. I consigli: mai dare loro pane secco da mangiare, potrebbe ucciderli

 

Sono cresciuti e stanno bene, dopo avere rischiato seriamente di non esser più insieme. Se i cigni che oggi sguazzano - bellissimi e fieri - nel Lago di Oggiono sono sette, devono ringraziare un gruppo di persone che lo scorso inverno salvò la vita a uno degli esemplari. Una storia toccante che tutti vorremmo diventasse la "normalità".

Rifiuti sul lungolago a Oggiono: i cittadini organizzano una giornata di pulizia

I fatti risalgono al 7 dicembre 2018. Una famiglia a passeggio con il proprio cane avvista un cigno, ancora cucciolo, in difficoltà: fili da pesca si sono attorcigliati attorno al becco e sulla zampa. Scattano così le operazioni di soccorso da parte delle persone sul posto (non c'è il tempo per aspettare l'intervento del servizio faunistico), molto complicate, fino a quando un pescatore interviene con un "retone" bloccando il cigno e libreandolo dalle corde.

La vicenda dello scorso dicembre ha molto colpito i frequentatori del Lago di Oggiono e le persone che amano e rispettano gli animali. Perché è vero che esistono uomini che abbandonano rifiuti sulla spiaggia e in acqua, e corde da pesca che rischiano di uccidere i cigni e altri esemplari di fauna selvatica, ma anche persone (come il pescatore intervenuto) che non esitano a darsi da fare per aiutarli.

I consigli per rispettare i cigni dei nostri laghi

  • Non inquinare il loro habitat naturale, come il Lago di Oggiono, che è inoltre un'oasi di passaggio per gli stormi in migrazione
  • Non dare loro da mangiare pane secco e derivati: i cigni sono sostanzialmente erbivori, e il fatto che siano ghiotti di pane non vuol dire che faccia loro bene. Farine e lieviti non fanno parte della loro alimentazione e possono causare gravi problemi di salute, fino a provocarne la morte. Questa pratica può anche far perdere l'abitudine e le capacità di reperire il cibo in modo autonomo
  • Nella peggiore ma non rara ipotesi, soprattutto con i piccoli di cigno, il pane si gonfia nello stomaco fino a scoppiare e a causarne la morte; in secondo luogo, soprattutto gli esemplari più giovani, possono diventarne talmente ghiotti da minare il metabolismo, assumere un peso eccessivo che sovraccarica le zampe ancora in via di sviluppo e creare non pochi problemi di deambulazione.
  • L'abitudine di lanciare tozzi di pane secco è sbagliata (non solo per i cigni, ad esempio per le anatre) anche perché, dopo poche ore nelle acque del lago, questi alimenti sviluppano tossine e batteri potenzialmente letali per gli animali che dovessero ingerirli
  • Se proprio si vuole portare loro cibo, si possono preparare delle foglie di lattuga sminuzzate, patate lessate o crude ma sempre triturate, riso bollito scondito, mais spezzettato, legumi lessati, carote lessate o crude spezzettate

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento