Olimpiadi 2026, Rifondazione ribadisce: «Spreco di soldi, danno per il territorio»

Ribadito il concetto già espresso: «Contratti capestri con il CIO e fondi tagliati per il dissesto idrogeologico»

L'Italia si è aggiudicata le Olimpiadi invernali per il 2026 e già in molti salutano positivamente questa decisione. Noi ci asteniamo da facili entusiasmi, perchè si dovranno affrontare costi esorbitanti (in Corea sono costate 13 miliardi e in Russia addirittura 50 miliardi!) con l’illusione di qualche migliaio di posti di lavoro che si esaurirebbero una volta conclusi i giochi. L’esperienza di Torino 2016 è stata lampante: preventivo di 500 milioni, costo reale di 3,5 miliardi, gestione privata con uomini della Fiat, devastazione di foreste, impianti abbandonati e saccheggiati, oggi bivacco di disperati. Il 93% pagato dal pubblico e una conseguenza di tasse aggiuntive per i cittadini per 20 anni.

Olimpiadi 2026, Confartigianato soddisfatta: «Opportunità per la crescita economica»

Otto città di tutto il mondo, come Salisburgo nel 2014, hanno ritirato la candidatura perché gli accordi col CIO (Comitato Olimpico Internazionale) risultano contratti capestro che vincolano le città stesse, ma lasciano libero il CIO di modificare le cose a piacere. Intanto, gli impianti sportivi dei nostri centri e delle Scuole, come si può facilmente constatare, sono fatiscenti e del tutto insufficienti, mentre praticare sport per i ragazzi e i giovani è un lusso.

Intanto incendi terribili come quelli del 30 ottobre 2017 in Lombardia hanno provocato danni incalcolabili, mettendo in ginocchio agricoltori e allevatori. La siccità, causa degli incendi, si può contrastare, basta volerlo!

Olimpiadi 2026 a Milano-Cortina: «Risultato importante anche per il Lecchese»

Nel Veneto l’uragano del 30 ottobre 2018 ha provocato 1,7 miliardi di danni e molte vittime e, a fronte di questo, con la legge di bilancio sono stati tagliati drasticamente fondi contro il dissesto idrogeologico, nella nostra provincia abbiamo assistito da poco a una terribile inondazione che ha colpito la Valsassina e l'Alto Lago. Qui sì che dei piani intelligenti contro il dissesto e per la prevenzione assicurerebbero migliaia di posti di lavoro e la sicurezza dei cittadini!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diciamo NO a interventi propagandistici, temporanei e costosi. Diciamo SI a interventi generosi per lo sport di tutti e a un piano serio e costante, a tappeto, per il risanamento e la prevenzione dei danni idrogeologici del territorio in cui viviamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Margno: l'autopsia conferma la prima ipotesi, i gemelli sono stati strangolati

  • Colpito da arresto cardiocircolatorio, grave giovane a Galbiate

  • Mandello: caos ai Giardini, il sindaco chiude la zona a lago

Torna su
LeccoToday è in caricamento