Lotta alla pesca di frodo dell'agone, la Fipsas presidia il lago

Il presidente Stefano Simonetti ha diffuso la lettera di un bracconiere finito a processo e condannato per dei fatti avvenuti nel 2015

Il 15 maggio è scattato il divieto di pesca all’Agone nelle acque del nostro Lago e puntualmente sono scattate le azioni di contenimento del bracconaggio ittico da parte dei guardia pesca volontari della Fipsas Lecco. Nei giorni scorsi - fanno sapere dall'associazione - sono stati individuati quattro pescatori illegali, di cui uno fermato e sanzionato e tutto il pesce pescato, unitamente alle attrezzature di pesca, sono state sequestrate dai Guardia Pesca volontari della Fipsas.

In tale contesto di contenimento e contrasto del bracconaggio ittico sono state evidenziate le scuse formulate dal sig. Paolo Balbiani, già condannato dal Tribunale di Lecco per i fatti del 12 maggio 2015 (un guardia pesca veniva percosso con un bastone). «Riteniamo importante l’invito del Balbiani a non seguire il “cattivo esempio”», commenta Simonetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Presidente Stefano Simonetti dichiara: «La lotta contro i bracconieri continua con ancora maggiore impegno, fino al 15 giugno tutte le sere i nostri guardia pesca volontari perlustreranno le coste del Lago, da Abbadia a Colico e da Malgrate fino a Oliveto Lario. L’ottima collaborazione con la Polizia Provinciale e con la i Carabinieri Forestali permette una vigilanza intensa e la diminuzione di questi atti di bracconaggio, tuttavia la vigilanza continua e tutte le sere saremo presenti anche con una imbarcazione. Le scuse del sig. Paolo Balbiani sono una vittoria della nostra Associazione e di tutti i volontari della Fipsas i quali, con impegno e sacrificio, vigilano durante la chiusura della pesca dell’Agone per permettere la “frega” del pesce. In questo periodo in cui la fauna ittica è in sofferenza, permettere ad una specie importante come l’Agone di riprodursi è fondamentale per garantire la presenza anche nei prossimi anni. Auspichiamo che Regione Lombardia e Governo mantengano come prioritaria la lotta al bracconaggio ittico senza tentennamenti e con rinnovata severità senza sconti per chi non rispetta le regole».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrido di Bellano, si riapre: sabato 11 torna visitabile il percorso originale

  • Valmadrera: i Legnanesi danno spettacolo in via Casnedi. Presenti cinquecento persone

  • Triplo intervento dell'elisoccorso a Moggio, Mandello del Lario e sulla Grigna Settentrionale

  • Lecco, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

  • Santo Stefano: rissa in via Trento, intervengono carabinieri e soccorritori

  • Paura a Colico: elicottero si ribalta su un fianco durante atterraggio d'emergenza

Torna su
LeccoToday è in caricamento