L'omaggio al Genio: una statua a grandezza naturale di Leonardo da Vinci a Paderno

La realizzerà lo scultore brianzolo Andrea Gaspari in occasione dei 500 anni della morte e verrà posizionata alla Chiesa della Rocchetta: «Qui il Genio fu ispirato dall'Adda»

Andrea Gaspari con la statua di Leonardo

Una statua di Leonardo da Vinci a grandezza naturale per celebrare i 500 anni della morte del Genio. Andrea Gaspari, scultore di Paderno, già ideatore del salame di cioccolato record per la riapertura parziale del ponte San Michele, sta lavorando a un omaggio che resterà eterno: una raffigurazione di Leonardo da installare sopra la chiesetta della Rocchetta, nei pressi dello Stallazzo a Paderno d'Adda.

«L'idea mi è venuta per via delle celebrazioni del cinquecentenario della morte - racconta Gaspari a LeccoToday - Ho chiesto al sindaco di poter realizzare una statua che possa dare prestigio a Leonardo ma anche al comune e a questi luoghi così fortemente caratterizzati dal suo passaggio. Il primo cittadino mi ha dato l'ok e ho pensato di collocarla alla chiesetta della Rocchetta perché risalente al 1400: si suppone che Leonardo, durante i suoi viaggi lungo i Navigli su commissione di Ludovico il Moro, possa averla realmente visitata. Attualmente è gestita da un signore, Fiorenzo, che fa da guida ai turisti ed è ovviamente entusiasta della mia idea».

Annone e Oggiono celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo

L'importanza di Leonardo per questi luoghi è impressa nella storia: «Mi è stato detto come realizzare la statua - prosegue Andrea Gaspari - Con una mano indicherà verso l'Adda, con l'altra terrà in mano tavole e disegni».

Lo Stallazzo di Paderno mette al bando la plastica

Gaspari è già al lavoro. L'inaugurazione è prevista per il 1° maggio. «Per lavoro mi occupo di scultura nei parchi divertimento - spiega - Userò un particolare cemento idrorepellente resistente alle intemperie. Sto costruendo il modello di plastilina e polistirolo sul quale poi realizzerò un negativo in gesso all'interno del quale stamperemo la statua in cemento: a quel punto potrò dedicarmi alle finiture e ai dettagli». La parte più complicata dell'opera è la sua installazione alla chiesetta. «Essendo presente dallo Stallazzo solo una lunga gradinata come collegamento, dovrò per forza realizzarla a pezzi per poi assemblarla direttamente sul posto. Non sarà semplice, anche perché parliamo di un monumento che finito peserà sui 150 chilogrammi».

Sarà necessario ingegnarsi un po', ma in fondo per omaggiare Leonardo da Vinci è il minimo sindacale. «Sono un po' scultore e un po' inventore - chiosa Gaspari - Quindi per me Leonardo è un rfierimento in tutto e per tutto. Ho tenuto uno stage a scuola e ho insegnato ai ragazzi le proporzioni del corpo umano grazie all'uomo vitruviano di Leonardo. Ho realizzato un modellino di tre metri del battello di Leonardo di Imbersago, che oggi è esposto in una rotonda sulla strada a Brivio. Lo rivedo in ogni cosa». Presto chiunque potrà rivedere anche un po' di Andrea Gaspari nella statua del Genio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

  • Cade dalla scala al supermercato: 36enne in gravi condizioni

Torna su
LeccoToday è in caricamento