A Valgreghentino si va in chiesa con il "Messabus"

Originale iniziativa della parrocchia che ha preso spunto dal successo del piedibus. Luca Colombo: «Un momento per stare insieme favorendo la partecipazione alle celebrazioni»

Il gruppo di partecipanti alla prima uscita del "Messabus" di Valgreghentino. Presto nuove repliche.

Non solo piedibus, a Valgreghentino si va in chiesa con il "Messabus". Mutuando il successo della camminata che si tiene in tanti comuni del territorio dove volontari e alunni raggiungono la scuola a piedi, la parrocchia di Valgreghentino ha proposto un'originale iniziativa per favorire l'aggregazione e la partecipazione alle celebrazioni religiose. Dopo una prima uscita qualche settimana fa (nelle foto) si replicherà ora domenica 10 novembre e 1° dicembre con partenza dal centro, da Ospedaletto e Taiello.

Ottimo esordio, presto si replica

«Il primo esperimento è andato molto bene -  commenta Luca Colombo, responsabile dell'oratorio Cardinale Schuster - Erano presenti oltre 100 persone tra bambini, genitori, volontari e anziani. Abbiamo quindi deciso di riproporre l'iniziativa almeno con cadenza mensile. Non so se siamo i primi ad organizzare questo "Messabus", sicuramente è un'iniziativa utile che sta piacendo e destando curiosità».

Tre i punti di partenza, i tragitti e le "corse".  I gruppi di partecipanti confluiscono poi verso la chiesa del centro per la messa delle 10, ritrovandosi poco prima dell'arrivo per percorrere un ultimo tratto insieme. Anche il nuovo parroco don Paolo Maria Ventura ha apprezzato e deciso di sostenere l'iniziativa.

Valgreghentino, consegna della Costituzione ai neodiciottenni

«Coinvolgiamo adulti, bambini e famiglie - continua Luca Colombo - In questo modo favoriamo l'aggregazione, c'è chi lascia a casa la macchina, e questo è già un bene, e qualche anziano camminando in compagnia si sente più sicuro. Rispetto al piedibus è poi tutto più semplice: mamme e papà diventano volontari, se qualcuno non può venire ci sono altri amici e conoscenti che camminano con i più piccoli. Noi volontari dell'oratorio diamo il via ai percorsi, ma poi la camminata prosegue in modo semplice e autonomo». 

L'obiettivo è anche quello di aumentare la partecipazione alla messa? «In realtà c'è già una buona adesione alle celebrazioni religiose - risponde l'animatore dell'oratorio - Certo, il "Messabus" ci aiuta ad essere ancora più numerosi in chiesa, e soprattutto a favorire la presenza di tanti giovani alla messa delle 10, anche quando un genitore magari è impegnato e non riesce ad accompagnare il figlio. Siamo felici dei primi risultati, quindi avanti con questo piedibus in versione parrocchiale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • «Addio cara mamma, sei stata una donna fortissima»

  • Usmate Velate, schianto tra due auto sulla Provinciale: morto un lecchese di 26 anni

  • I pendolari Trenord lanciano il loro "sciopero": «Un mese tutti senza biglietti e abbonamenti»

  • Elaborazioni, pneumatici, scarichi: a Lecco è scoppiata la passione per il "tuning"

  • Lurago D'Erba: incidente mortale, muore una donna di Brivio

Torna su
LeccoToday è in caricamento