Forno a microonde: come funziona e come utilizzarlo al meglio

Il forno a microonde è uno strumento moderno, presente ormai in tutte le case. Vediamo come utilizzarlo correttamente per scongelare e riscaldare gli alimenti

Il forno a microonde è un vero alleato nelle nostre vite frenetiche, fatte di lavoro e poco tempo da dedicare alla cucina. Si tratta di un elettrodomestico ormai presente nelle case di tutti gli italiani, che viene utilizzato principalmente per riscaldare e scongelare i cibi. Con il forno a microonde si può provvedere anche alla cottura dei cibi, dimezzando i tempi necessari per far bollire l’acqua, rispetto al classico procedimento di bollitura. Semplice e pratico da utilizzare, basta una comune presa elettrica per riuscire a scaldare e cuocere qualsiasi tipologia di alimento. 

Come funziona il forno a microonde

Il funzionamento del forno a microonde è scientificamente complesso, in quanto questo tipo di forno, sfrutta delle microonde magnetiche che hanno il potere di mettere in movimento le molecole contenute nei liquidi e nei grassi. L’energia cinetica prodotta da queste molecole, fa in modo che si surriscaldino e producano calore. 

Negli anni, diversi studi hanno finalmente dimostrato che l’utilizzo del microonde non prevede una scarica di radiazioni maligne per il nostro corpo. Le radiazioni emesse infatti, non interagiscono con il DNA. 

Quali cibi non cuocere in microonde

Nonostante il forno a microonde venga utilizzato principalmente per scongelare e scaldare gli alimenti, molti lo utilizzano anche per cuocere. Sono davvero pochi gli alimenti che non possiamo cucinare utilizzando il microonde, soprattutto da quando esistono appositi accessori che permettono di cuocere cibi più complessi, come le uova. 

Per alcuni alimenti però, è decisamente sconsigliata la cottura in questo tipo di forno. Vediamo quali sono: 

-Peperoncino

-Latte materno

-Pollo (la cottura a microonde potrebbe non distruggere alcuni pericolosi batteri)

-Verdura a foglie verde

Materiali da non utilizzare nel forno a microonde 

Per la cottura o lo scongelamento dei cibi, è sempre meglio utilizzare contenitori appositi, anche se solitamente non ci sono grandi problemi nel mettere piatti di ceramica nel microonde, a patto che non siano colorati o decorati. Vediamo cosa non dobbiamo mai mettere nel microonde:

-Piatti di ceramica decorati
-Teglie di alluminio
-Carta forno e pellicola
-Cristallo
-Contenitori di carta o polistirolo
-Contenitori di metallo o padelle
-Scatole di plastica 

Forno a microonde: quali sono i vantaggi 

Il forno a microonde è ideale per scongelare alimenti surgelati. Se si lascia scongelare del cibo a temperatura ambiente infatti, c’è il rischio che la parte interna resti congelata, quella esterna si scongeli, e si possono creare reazioni chimiche di alterazione. Questo tipo di forno inoltre, mantiene il valore nutrizionale dei cibi freschi. Un valore che si abbassa con la cottura classica, dove le temperature raggiunte sono molto più alte. 

Il forno a microonde viene usato soprattutto per riscaldare i cibi e per scongelare, poiché non degrada le vitamine e non disperde i sali minerali. Per cuocere i cibi infatti, è meglio utilizzare il forno elettrico, che consuma più energia per portare in temperatura un alimento freddo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tagliere da cucina: come scegliere quello giusto

  • Aumento di potenza del contatore elettrico: a chi rivolgersi

  • Come rendere una casa affittabile: arredi e interventi necessari

  • Come organizzare al meglio la cameretta del neonato

  • Come montare le piastrelle in cucina

Torna su
LeccoToday è in caricamento