Violenta lite in zona stazione a Calolzio

La colluttazione ha coinvolto un uomo e una donna. Lui sarebbe la stessa persona che la scorsa estate, sempre alla fermata dei treni, minacciò due passanti con un'ascia

Un'immagine dei soccorsi intervenuti poco fa in stazione a Calolziocorte.

Violenta lite in zona stazione a Calolziocorte. I fatti sono avvenuti intorno alle 18 di oggi, lunedì. Stando alle prime ricostruzioni dei fatti a prendersela con una donna - inizialmente si era parlato di un'aggressione - sarebbe stato lo stesso uomo che l'estate scorsa insultò e minacciò con un'ascia due calolziesi che si trovavano in stazione ad aspettare i loro famigliari in arrivo col treno. L'esatta dinamica dell'accauto è comunque ancora in via di accertamento. Il dato certo è che alle 18.15 è scattato l'allarme in codice giallo alla centrale del 118 per un'aggressione alla stazione di Calolzio/Olginate.

Insulta i passanti con un'ascia in mano: paura in zona stazione a Calolzio

Sul posto, insieme all'ambulanza, anche i Carabinieri di Calolzio e la Polizia locale. L'uomo avrebbe aggredito la donna a mani nude, senza armi. Le condizioni di entrambi per fortuna non sarebbero gravi. Al momento le forze dell'ordine sono ancora sul posto e le operazioni di soccorso in atto.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare le formiche da casa: rimedi naturali

  • Caldo in auto: come difendersi

  • Dormire bene e svegliarsi di buon umore: ecco alcuni consigli

  • Piscine interrate: costi e tempi di realizzazione

I più letti della settimana

  • Vendeva vestiti contraffatti provenienti dalla Cina: sequestrate casa e auto a una lecchese

  • Super biscia "a spasso" in centro città entra in una scuola guida

  • Notte fra sabato e domenica, fioccano gli incidenti nel Lecchese

  • Esagera con l'alcool: giovane finisce ricoverato in ospedale

  • Beccato a spacciare vicino a un locale notturno: giovane punito con il primo daspo urbano della provincia

  • Molesta i turisti sul treno e fa a cazzotti con gli agenti: arrestato giovane

Torna su
LeccoToday è in caricamento