Calolzio, riaprono due dei tre asili chiusi per i lavori di messa in sicurezza

Da lunedì i bambini potranno rientrare nelle scuole materne del Pascolo e di Lorentino. Per Sala, invece, servirà più tempo. L'assessore Gandolfi: «I pericoli si sono rivelati fondati, è stato giusto intervenire»

La scuola dell'infanzia del Pascolo (come quella di Lorentino) riaprirà lunedì 15 ottobre. Per Sala ci vorranno almeno altre due settimane. Gli interventi si sono resi necessari per la presenza di crepe e la caduta di materiale dai soffitti.

Da lunedì 15 ottobre riapriranno gli asili di Lorentino e del Pascolo, chiusi in via precauzionale per lo svoglimento di opere di messa in sicurezza a causa di crepe e caduta di materiale dai soffitti. Per quanto riguarda l'asilo di Sala, invece (per il quale l'ordinanza di chiusura era stata firmata dal sindaco Marco Ghezzi una settimana prima), serviranno almeno altre due settimane di verifiche e possibili, ulteriori, interventi.

Chiusi tre asili di Calolzio per lavori di messa in sicurezza

Ad annunciarlo è l'assessore alle Opere pubbliche Dario Gandolfi. «I problemi erano reali e la chiusura provvisoria in via precauzionale si è rivelata giusta e necessaria - commenta Gandolfi - Nei prossimi giorni verranno completati i lavori nelle scuole dell'infanzia di Lorentino e del Pascolo, con la sistemazione degli impianti elettrici, la riverniciatura e il trasloco degli arredi dalle attuali sedi provvisorie». In queste due settimane i piccoli sono dovuti andare nelle scuole primarie di Rossino (per quanto riguarda Lorentino) e del Pascolo. «Alcuni soffitti erano a rischio, con l'effettivo pericolo di crollo di intonaci a terra - aggiunge l'assessore della Giunta Ghezzi - ora le aule sono state messe in sicurezza. Più delicata è invece la situazione a Sala. Qui sono necessarie altre verifiche relative anche alla staticità della struttura e ci vorranno almeno altre due settimane prima di poter riaprire l'asilo. Domattina, mercoledì, avrò un ulteriore incontro con i tecnici e potremmo avere notizie più precise. Nei prossimi giorni informeremo nei dettagli i genitori e appena possibile organizzeremo una commissione per illustrare gli interventi svolti e le motivazioni, mostarndo anche gli studi effettuati che testimoniano la fondatezza delle nostre decisioni».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

  • Cade dalla scala al supermercato: 36enne in gravi condizioni

Torna su
LeccoToday è in caricamento