Abbadia: fioriere nei cestini per combattere la maleducazione

Riempiti ogni giorno da cittadini incivili con sacchi dell'immondizia domestica, il Comune costretto all'insolito provvedimento: «Presto fototrappole come ulteriore deterrente»

Uno dei cestini diventati "fioriere"

Un intervento paradossale, ma rivolto a contrastare il crescente senso di maleducazione e la mancanza di senso civico della cittadinanza. Ad Abbadia Lariana non è passata inosservata, negli ultimi giorni, la comparsa di fiori all'interno degli originali cestini installati un paio di anni fa dall'Amministrazione comunale nella zona fra San Rocco e l'oratorio, dopo l'intervento di riqualificazione con la posa dell'acciottolato.

Vandali a Capodanno: campane del vetro e cestini divelti anche coi petardi

Il motivo di questa iniziativa è presto spiegato: i cestini sono stati scambiati da troppi cittadini per cassonetti nei quali infilare sacchi d'immondizia domestica. «Siamo stati costretti a combattere la maleducazione con i fiori - spiegano dalla Giunta di Abbadia - I cestini venivano svuotati al lunedì mattina e a mezzogiorno erano già pieni di altri sacchi di rifiuti, come se non esistesse la raccolta porta a porta. Tutto questo non era più tollerabile, così abbiamo pensato a fioriere rimovibili».

Vasi già deturpati con mozziconi ed escrementi

Si tratta di un deterrente decisamente inusuale: fiori contro la maleducazione. Al momento, dopo i primi giorni di sperimentazione, i risultati non sono ancora soddisfacenti: nei vasi si trovano mozziconi di sigaretta e persino sacchetti con le deiezioni dei cani, rimossi puntualmente da alcune residenti che ancora mantengono un briciolo di senso civico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Durerà anni - continuano dal Comune - ma la battaglia contro la maleducazione è cominciata. A breve installeremo anche le fototrappole, un altro deterrente che potrà essere utilizzato all'occorrenza per punire i trasgressori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Margno: l'autopsia conferma la prima ipotesi, i gemelli sono stati strangolati

  • Mandello: caos ai Giardini, il sindaco chiude la zona a lago

  • Malgrate, tragedia alla Rocca: recuperato il corpo senza vita di un uomo

Torna su
LeccoToday è in caricamento