«Tagli del personale, poche assunzioni e scarsa attenzione»: dipendenti dell'ospedale in agitazione

Rsu e sigle sindacali del Lecchese hanno firmato la lettera indirizzata al Prefetto di Lecco Michele Formiglio, indicando le dodici motivazioni che hanno condotto al passo formale

I dipendenti dell'Asst Lecco sono in stato di agitazione

I dipendenti dell'Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Lecco sono in stato di agitazione. La rappresentanza sindacale unitaria interna e le sigle sindacali hanno firmato la lettera che è stata poi indirizzata al Prefetto di Lecco Michele Formiglio e inoltrata anche a Paolo Favini, Direttore Generale Asst Lecco, Maria Grazia Colombo, Direttore Amministrativo, Vito Corrao, Direttore Sanitario, Enrico Frisone, Direttore Socio-Sanitario, Ilaria Terzi, Dirigente Resp. Area Risorse Umane, Anna Cazzaniga e Katia Rusconi, Direzione Professioni Sanitarie, Virginio Brivio, sindaco di Lecco, Massimo Panzeri, sindaco di Merate, e Antonio Rusconi, sindaco di Bellano.

«Mandic? Non chiude niente, si rafforza»: Favini illustra le mosse della Direzione Strategica 

«Prefetto, così non va»: i dipendenti dell'Asst Lecco in agitazione

Dalla Regione un milione e 200mila euro per migliorare gli ospedali lecchesi

Questa la lettera, integralmente riprodotta, diretta al Prefetto Michele Formiglio:

Ill.mo Sig. Prefetto,
La Scrivente Rsu congiuntamente alle OO.SS. di CGIL FP – CISL FP – UIL FPL, NURSING UP, FSI, FSI – USAE, USB, Nursind di Lecco, procede all’attivazione della procedura di cui all’oggetto, le motivazioni che ci portano all’attivazione di quanto sopra indicato, sono significate qui di seguito:
• Taglio di 650.000€ costo del personale senza alcuna spiegazione o vincolo normativo;
• insufficienti assunzioni di OSS, Infermieri,Fisioterapisti,Amministrativi, As. Sociali , Op.Tec. da graduatoria esistente;
• assunzione di OSS periodo estivo da agenzia interinale;
• pochissime assegnazioni di part time;
• cambio di orario ai servizi per carenza di personale;
• attivazione indiscriminata della mobilità d'urgenza;
• mancata apertura ambulatorio stress correlato al lavoro, come da normativa nazionale;
• attuazione Progetto Accoglienza: totale mancanza di valutazioni/correzioni delle ripercussioni negative delle scelte adottate sia sul personale che sull’utenza;
• insufficiente se non scarsa attenzione ai problemi dei dipendenti;
• parcheggio dipendenti;
• gravi difficoltà di fruibilità dei buoni pasto dei dipendenti del territorio;
• numero esorbitante di ferie residue e ore a credito per i lavoratori del comparto.
Con l’occasione si porgono Distinti Saluti
Per Le Segreterie di CGIL FP – CISL FP - UIL FPL – NURSING UP -Fsi– USB - NURSIND - RSU ASST LECCO C. Tramparulo – G. Leone– M. Coppia – M. Trombetta – W. Tomassini – F. Scorzelli– P. Garrone – Per la RSU ASST LECCO -il Coordinatore E. Castelnovo 

"Mandic", faccia a faccia sindaci-ASST: «Nessuna chiusura. Anzi, miglioreremo l'ospedale»

Potrebbe interessarti

  • Rimedi naturali contro le scutigere

  • Come eliminare l'odore di sigaretta in casa

  • Come avere i bidoni della spazzatura sempre puliti e igienizzati

  • Come realizzare una macedonia perfetta

I più letti della settimana

  • Incidente in moto, senza scampo lo skyrunner Davide Invernizzi

  • Gravissimo incidente auto-moto a Pasturo, intervento dei soccorsi in codice rosso

  • Rimedi naturali contro le scutigere

  • Temporali intensi e vento forte: lunedì si aggrava l'allerta sul Lecchese

  • «Ciao Davide, i tuoi sogni continueranno a correre sulle tue montagne»

  • Lutto a Mandello: addio a Mariella Alippi, una delle anime del Gal

Torna su
LeccoToday è in caricamento