Vento forte sul Lecchese e incendi, scatta l'allerta di Protezione civile

Diramata una nota contrassegnata dal codice giallo (rischio ordinario) per l'intera giornata di martedì. Attese anche su Lario e Prealpi orientali forti raffiche

Torna l'allerta meteo sul Lecchese. Questa volta non riguarda la pioggia né la neve, e nemmeno il rischio idraulico o idrogeologico. Considerata la situazione meteo stabile e le temperature più alte della norma, l'avviso di criticità di colore giallo (rischio ordinario) pubblicato nelle scorse ore dalla Protezione civile della Lombardia riguarda il vento forte e il conseguente pericolo di incendi.

Raffiche intense sono infatti attese sul territorio del Lario e delle Prealpi occidentali, dunque sul Lecchese. L'allerta è scattata a mezzanotte di oggi, martedì 27 novembre 2018, e proseguirà sino alla mezzanotte di mercoledì 8 novembre.

La situazione meteo

Per l'intera giornata di domani, martedì 4 dicembre, sono previsti rinforzi di vento da Nord in montagna, generalmente oltre i 700 metri. Attorno ai 1.000 metri di quota sono attese medie orarie tra 20 e 35 km/h, localmente anche superiori sui consueti posti esposti al vento da Nord (rilievi dei settori di nordovest-zona laghi) con raffiche fino a 45-55 km/h, anche fino a 60-70 km/h attorno ai 1.500 metri di quota. Alle quote inferiori e sulla Pianura velocità del vento generalmente inferiore ai 20 km/h. In corrispondenza dei rinforzi di vento si prevede anche un aumento del rischio incendi boschivi il cui dettaglio della previsione è riportato sul sito Istituzionale di Regione Lombardia nella sezione "A portata di mano" alla voce "Allerte di Protezione Civile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I consigli degli esperti

Si suggerisce ai presidi territoriali di prestare attenzione a fenomeni che localmente potrebbero risultare pericolosi, quali: scenari di rischio vento forte, con effetti che potrebbero generare pericoli e problemi sulle aree interessate dall’eventuale crollo d’impalcature, cartelloni, alberi (particolare attenzione dovrà essere rivolta a quelle situazioni in cui i crolli possono coinvolgere strade pubbliche e private, parcheggi, luoghi di transito, servizi pubblici, etc); sulla viabilità, soprattutto nei casi in cui sono in circolazione mezzi pesanti; legati alla instabilità dei versanti più acclivi, quando sollecitati dell'effetto leva prodotto dalla presenza di alberi; per la sicurezza dei voli amatoriali e, in generale, dello svolgimento di attività in alta quota; alle attività svolte sugli specchi lacuali.

Meteo: sole e clima mite almeno fino a domenica

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel cuore della città: trovato senza vita il Pubblico Ministero Laura Siani

  • Statale 36: violento incidente a Nibionno, gravi le condizioni di due biker

  • Si ribaltano con l'automobile all'interno dell'Attraversamento: due feriti

  • Coronavirus, arriva il bonus vacanze: ecco come funziona

  • Bisone: grave incidente davanti al benzinaio, sessantenne ricoverato in codice rosso

  • Morte Siani, gli investigatori sulle cause della scomparsa: «Prevale l'ipotesi del suicidio»

Torna su
LeccoToday è in caricamento