Dà di matto e tenta di uccidere il padre: 43enne finisce in carcere

L'episodio domenica a Barzanò: l'uomo ha gettato a terra l'anziano genitore cercando di strangolarlo. Oggetto di Tso, è stato condotto in ospedale e successivamente colpito da misura restrittiva

Arrestato dopo un episodio di violenza in famiglia, 43enne di Barzanò finisce in carcere.

È decisamente drammatico quanto accaduto domenica scorsa nel comune brianzolo, intorno alle 5.30. L'uomo, per motivi non ancora chiari, ha aggredito il padre, di 71 anni, sollevandolo di peso e sbattendolo a terra, colpendolo poi con una serie di pugni al volto. Secondo quanto ricostruito più tardi dalle forze dell'ordine, il figlio ha cercato anche di strangolare il genitore. L'anziano, nonostante la situazione critica, è riuscito ad aprire la porta d'ingresso richiamando l'attenzione del vicino di casa. A quel punto, la follia del 43enne è proseguita con un lancio di coltelli all'indirizzo del dirimpettaio, prima di rinchiudersi nella propria camera.

Aggredisce un operatore del 118 e un poliziotto: arrestato 34enne

I soccorsi sono giunti nell'abitazione di Barzanò poco più tardi. I Carabinieri della stazione di Cremella sono riusciti a convincere il 43enne a uscire, mentre il medico intervenuto ha disposto un Tso, trattamento sanitario obbligatorio, avallato dal sindaco Giancarlo Aldeghi. L'aggressore è stato trasportato al Mandic di Merate per le cure del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Lecco, informato dell’accaduto dai militari, ricevuta la denuncia e le testimonianze raccolte, ha richiesto al Gip del Tribunale di Lecco l’emissione di un'idonea misura di custodia cautelare nei confronti del 43enne, per i reati di tentato omicidio, lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. La misura restrittiva emessa è stata eseguita ieri, mercoledì 17 luglio 2019 dai Carabinieri di Cremella: l'uomo è stato così trasportato al carcere di Pescarenico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Margno, tragedia famigliare: padre uccide i giovani figli e poi si toglie la vita

  • «Con i miei ragazzi, sempre insieme»: l'ultimo post su Instagram dà vita all'ondata d'insulti sui social di Mario Bressi

  • Abbadia: violento scontro all'incrocio tra auto e moto, centauro in ospedale

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Tutti pazzi per le pozze, a Calolzio il sindaco in versione vigile per aiutare a snellire il traffico

  • Modifiche alla viabilità: la panoramica degli interventi in città

Torna su
LeccoToday è in caricamento