Causa incidente, scappa e simula furto dell'auto: denunciato

Il sinistro sulla nuova Lecco-Ballabio dopo un'inversione proibita. Decisive le immagini di videosorveglianza. Il giovane aveva nascosto la vettura vicino casa

Una proficua sinergia tra la Polizia locale di Ballabio e la Polizia Stradale di Lecco ha consentito di identificare e denunciare un giovane ballabiese che, dopo aver causato un incidente stradale senza fermarsi e temendo di essere individuato, ha simulato il furto dell'auto.

L'incidente è avvenuto lo scorso 4 giugno sulla nuova Lecco-Ballabio. In quella circostanza il conducente della vettura ha effettuato una manovra proibita di inversione della marcia, causando l'impatto con due veicoli che sopraggiungevano per poi darsi alla fuga. Uno degli automobilisti coinvolti nell'incidente, successivamente, si è presentato alla Polizia locale di Ballabio, informando la responsabile, Emma Fiocca, dell'accaduto. Sono così scattate le indagini che, grazie all'efficienza del sistema di videosorveglianza del Comune di Ballabio, hanno permesso di individuare l'auto pirata.

Malore alla guida, perde il controllo ed esce fuori strada: elisoccorso in Valassina

Polizia stradale, il conducente che ha causato il sinistro ha presentato denuncia di furto della propria vettura alla Questura di Lecco, nel palese tentativo di scagionarsi, qualora le vittime fossero riuscite a rilevare il numero della targa. La denuncia per furto non ha convinto le forze dell'ordine che hanno così attivato ulteriori accertamenti. Il prosieguo delle indagini ha portato al ritrovamento del veicolo, occultato in paese nei pressi dell'abitazione del giovane che è stato denunciato per simulazione di reato.

Consonni: «Fondamentale la collaborazione tra Polizia locale e Stradale»

«Mi complimento - commenta Alessandra Consonni, sindaco di Ballabio - con gli operatori della Polizia Stradale e con la responsabile della nostra Polizia locale per l'esito di questa brillante indagine che dimostra l'importanza della sinergia tra forze dell'ordine. Questa circostanza conferma anche l'efficienza del nostro apparato di videosorveglianza, che è in fase di potenziamento e che, a breve, interesserà nuove aree del paese sinora scoperte».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regione Lombardia riconosce cinque nuove attività storiche in provincia di Lecco

  • Scomparso 32enne: ricerche in corso sul Monte Moregallo

  • Schianto in via Mazzini a Calolzio, motociclista soccorso d'urgenza

  • Incidenti sulla SS36 nella serata di domenica: coinvolte quattro persone

  • Moregallo: ritrovato il corpo senza vita dell'arrampicatore Matteo Sponza

  • Valle San Martino, sindaco insultato e picchiato da un passante

Torna su
LeccoToday è in caricamento