Annone Brianza: il cavalcavia non si vede, il Codacons interpella la Corte dei Conti

Il ponte che sovrasterà la Strada Statale 36 avrebbe dovuto essere installato entro il Primo Maggio, ma le lunghe festività hanno portato a un nuovo slittamento nella consegna dei lavori

Il ponte a lato della SS36, pronto per essere montato

Non è ancora tempo di apertura, ad Annone Brianza, del cavalcavia che sovrasterà la Strada Statale 36 e tornerà a collegare il comune brianzolo a quello di Suello. Un'opera attesa da ottobre 2016, quando il crollo del vecchio ponte sotto il peso di un camion provocò la morte del 68enne di Civate Claudio Bertini, vittima d'imprudenza e di un rimpallo delle responsabilità che prosegue anche a due anni e mezzo di distanza.

La consegna dei lavori da parte della Coest, consorzio di Potenza che ha vinto il bando di Anas, era originariamente prevista per il 2 marzo, ma i vari slittamenti e l'avvento di festività pasquali e Primo Maggio hanno portato oltre l'originale scadenza del contratto. Che il fine settimana del 5-6 maggio possa essere effettivamente quello buono per sanare la ferita nel sistema d'infrastrutture, come richiesto dal sindaco annonese Patrizio Sidoti, sembra francamente impossibile, anche perchè sarà necessario circa un mese per completare le opere collaterali all'installazione della struttura.

Toninelli visita il cantiere del ponte di Annone. «Via a un grande piano infrastrutturale di manutenzione»

Cavalcavia di Annone: il Codacons scrive alla Corte dei Conti

Nel frattempo, il Codacons ha deciso d'interpellare la Corte dei Conti sulla vicenda:

Ad Annone Brianza è ormai da parecchio tempo che i cittadini attendono, invano, la realizzazione del ponte crollato 28 ottobre 2016 sulla Superstrada, a causa del quale ha perso la vita Claudio Bertini. Il nuovo ponte avrebbe dovuto essere inaugurato il Primo Maggio, ma tutto tace. Ad annunciare la data del taglio del nastro tricolore era stato a febbraio l'amministratore delegato e direttore generale in occasione di un sopralluogo al cantiere. A due anni e mezzo da crollo, del cavalcavia della Sp 49 a scavalco sulla Super non c'è tuttavia ancora traccia. 

Si tenga conto che per costruire da zero il ponte San Michele di Paderno d'Adda tra il 1887 e il 1889 alto 85 metri e lungo 266 c'è voluto molto meno tempo, appena 18 mesi. 
Sarebbe pertanto opportuno verificare i motivi che hanno portato a queste lungaggini e se in questi anni, a causa di tali incresciosi ritardi vi sia stato uno spreco di denaro pubblico.

Per queste ragioni il Codacons presenterà un esposto alla Corte dei Conti, chiedendo di analizzare la questione in oggetto, al fine di esaminare le motivazioni che hanno portato al ritardo nella realizzazione del nuovo ponte di Annone Brianza ed eventuali sprechi di denaro pubblico

Sei indagati per la tragedia

Sono sei gli indagati per la tragedia costata la vita al civatese Claudio Bertini, rimasto schiacciato sotto il peso del manufatto in quel tragico 26 ottobre 2016. La Procura di Lecco, chiuse le indagini preliminari, ha iscritto nel registro anche Eugenio Ferraris, Silvia Garbelli e Roberto Torresan, i primi due dirigenti della Provincia di Bergamo e l'ultimo professionista incaricato di progettare i lavori per la manutenzione del cavalcavia maledetto, nel 2013.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare le formiche da casa: rimedi naturali

  • Caldo in auto: come difendersi

  • Dormire bene e svegliarsi di buon umore: ecco alcuni consigli

  • Piscine interrate: costi e tempi di realizzazione

I più letti della settimana

  • Vendeva vestiti contraffatti provenienti dalla Cina: sequestrate casa e auto a una lecchese

  • Super biscia "a spasso" in centro città entra in una scuola guida

  • Notte fra sabato e domenica, fioccano gli incidenti nel Lecchese

  • Esagera con l'alcool: giovane finisce ricoverato in ospedale

  • Molesta i turisti sul treno e fa a cazzotti con gli agenti: arrestato giovane

  • Beccato a spacciare vicino a un locale notturno: giovane punito con il primo daspo urbano della provincia

Torna su
LeccoToday è in caricamento