Emergenza idrica ad Artavaggio: l'acqua arriva con l'elicottero

All'origine del problema il gelo, che sta causando un progressivo abbassamento delle falde acquifere di alcune aree e la riduzione della portata delle sorgenti. Intervento di Lario Reti Holding per rifornire temporaneamente le vasche

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

I Piani di Artavaggio rimangono senza acqua, per contrastare l'emergenza è necessario l'intervento dell'elicottero.

Le condizioni climatiche a cui è stato sottoposto il territorio della provincia di Lecco nei mesi scorsi - mancanza di pioggia e neve, clima secco e ventoso - stanno causando un progressivo abbassamento delle falde acquifere di alcune aree e la riduzione della portata di molte sorgenti. Ad Artavaggio nei giorni scorsi i rifugi in quota sono rimasti senza servizio: Lario Reti Holding è intervenuta giovedì portando una quindicina di contenitori da mille litri l'uno a Moggio utilizzando i camion, riempiendoli e trasportandoli poi in elicottero ad Artavaggio per riempire le vasche e riassicurare temporaneamente l'erogazione dell'acqua (le immagini si riferiscono all'intervento).

A causa delle temperature sempre più estreme che si stanno registrando, Lario Reti Holding invita tutti gli utenti ad adottare sin da subito misure idonee per la protezione dei contatori dell'acqua dal gelo, evitando così il pericolo di rotture o di interruzioni dell'erogazione dell’acqua. 
 
«Al momento, questi fenomeni non hanno comportato limitazioni alla capacità di assicurare le forniture idriche richieste, ma costituiscono comunque elementi di attenzione - fa sapere Roberto Gnecchi, direttore Conduzione di Lario Reti Holding - Il principale problema registrato è stato ai Piani di Artavaggio, località che giovedì abbiamo rifornito con oltre 14.000 litri di acqua trasportati in elicottero e tramite autobotti».

I suggerimenti per proteggere i contatori

- Per i contatori in nicchia, esterni all'immobile, si consiglia di coibentarne lo sportello con polistirolo ed altri appositi materiali termo-assorbenti.

- Allo stesso modo, per i contatori interrati, si suggerisce di isolare il portello/tombino con materiali adeguati.

- È vivamente sconsigliato l'uso di stracci o coperte in quanto, una volta bagnati per condensa o perdite, rendono il contatore ancora più soggetto al gelo.

- Per gli immobili poco usati (seconde case, casolari, ecc.) Lario Reti Holding suggerisce di chiudere la valvola a monte del contatore, per poi svuotare l'impianto aprendo un rubinetto. A questo scopo si consiglia di utilizzare il rubinetto posto il più in basso possibile all'interno dell’immobile (piano terra o interrati), così da assicurare un completo svuotamento delle tubazioni.

- Se, nonostante tutte le precauzioni, il contatore risultasse congelato, è assolutamente vietato manovrare le valvole o tentare lo scongelamento con fonti intense di calore. In tali casi è necessario mettersi subito in contatto con Lario Reti Holding tramite il numero verde di pronto intervento gratuito 800 894 081, attivo 24 ore su 24, affinché si avvii la procedura di sostituzione o riparazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Lo spettacolo del lago completamente ghiacciato: il video è virale

  • Cronaca

    La terribile storia di Alex in un documentario: se si scalda, rischia di morire

  • Cronaca

    Sperone di roccia sulla SP72 a Mandello, la messa in sicurezza passa dalla Regione

  • Cronaca

    Incendio in un canneto in zona Lavello, probabile origine dolosa

Torna su
LeccoToday è in caricamento