L'appello di Fasoli agli anziani mandellesi: «State a casa, di questo virus si muore»

Cimiteri, sentieri e piste agrosilvopastorali chiusi. Videomessaggio del sindaco dopo i troppi casi di persone di età avanzata ancora in giro per il paese: «Mi rivolgo anche ai parenti: dite loro di non uscire»

 

A Mandello i casi di infezioni da Covid-19 sono saliti a 12, come annunciato dal sindaco Riccardo Fasoli questa mattina nel consueto bollettino di aggiornamento rivolto alla popolazione. Ieri si sono registrate due vittime. Il primo cittadino, qualche ora fa, ha inoltre diffuso un video in cui lancia ancora una volta l'appello ai mandellesi a non uscire di casa. Nel volto provato del sindaco la testimonianza del momento difficile per la comunità, con il dolore per la sofferenza di chi sta lottando contro la malattia o ha perso dei cari, e la rabbia per molti, troppi cittadini che ancora non hanno capito la gravità della situazione.

Primo caso di Covid-19 a Mandello. L'appello del sindaco: «Seguite le indicazioni del Ministero»

Nel messaggio, Fasoli sottolina la chiusura dei cimiteri «perché gli anziani non hanno capito che devono stare a casa. Da oggi inoltre abbiamo chiuso anche le piste agrosilvopastorali e i sentieri fuori dal centro abitato perché bisogna stare a casa».

Il sindaco ha aggiunto che «in paese di anziani soli ce ne sono pochi e li conosciamo tutti con i servizi sociali, gli altri hanno tutti parenti e invito di dire loro di stare a casa. Di questo virus si muore, sia gli anziani sia i giovani. Quindi stiamo a casa perché altrimenti mettiamo a repentaglio sia la vita nostra sia quella degli altri».

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento