Incendio in un canneto in zona Lavello, probabile origine dolosa

In fiamme sterpaglie in prossimità dell'area mercato. Vigili del fuoco in azione. L'assessore del Comune di Calolzio, Luca Caremi: «Fuoco appiccato da imbecilli»

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Incendio, questa mattina, al Lavello a Calolziocorte. A bruciare sterpaglie in un canneto sulle rive dell'Adda, per cause ancora in fase di accertamento ma con ogni probabilità dolose.

Le fiamme - in una zona non lontana dall'area del mercato, di fronte all'ex Ics - sono state alimentate dal vento, richiedendo l'intervento immediato dei Vigili del fuoco, impegnati nelle operazioni di spegnimento. Dal Comando di Lecco sono stati inviati due mezzi fra i quali un'autopompa. Sul posto anche la Polizia locale di Calolzio e l'assessore comunale alla Sicurezza Luca Caremi.

Violenta lite a Calolziocorte

Ignota, al momento, l'origine del rogo, anche se da una prima ricostruzione dei fatti appare decisamente più probabile il dolo rispetto all'accidentalità. Durissimo, in questo senso, l'intervento dell'assessore Caremi che sul gruppo Facebook "Sei di Calolzio se" non ha usato giri di parole. «Qualche imbecille, incurante dei danni che poteva compiere, ha ben pensato di appiccare fuoco in zona lungolago - ha scritto Caremi - Il provvidenziale intervento della Polizia locale e dei Vigili del Fuoco ha impedito che il fuoco si propagandasse su tutta la zona. Grazie per la segnalazione tempestiva da parte di un cittadino».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    La terribile storia di Alex in un documentario: se si scalda, rischia di morire

  • Cronaca

    Sperone di roccia sulla SP72 a Mandello, la messa in sicurezza passa dalla Regione

  • Video

    Vincono il derby cittadino, la festa in maschera nello spogliatoio è virale

  • Sport

    Chi fermerà il volo della Calcio Lecco 1912? Le Aquile battono anche il Savona

Torna su
LeccoToday è in caricamento