Centauro di 36 anni muore a seguito dell'incidente di sabato a Pescate

La vittima è di Vedano al Lambro. Ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Manzoni di Lecco, purtroppo non ce l'ha fatta ed è spirato nella notte

L'incidente avvenuto sabato a Pescate

Non ce l'ha fatta Alessandro Stefano Tresoldi, uno dei due biker rimasti coinvolti sabato nel violento incidente avvenuto a Pescate. Il 36enne, residente a Vedano al Lambro, è morto dopo il ricovero in ospedale a seguito delle lesioni riportate nello schianto sull'asfalto.

Intorno alle 15.30 del 28 settembre lungo via Roma, all'altezza del supermercato Bennet, lo schianto con un fuoristrada condotto da un uomo di 89 anni. Le due motociclette, con in sella il 36enne brianzolo e un ragazzo di 26 anni, non sono riuscite a evitare l'impatto. Secondo una prima ricostruzione pare che il Suv si stesse immettendo sulla Provinciale uscendo dal parcheggio del supermercato.

Pescate: violento scontro auto-moto all'esterno del supermercato, due biker in ospedale

I due biker, entrambi brianzoli, nell'impatto hanno riportato gravi ferite. Sul posto sono intervenute le squadre del Lecco Soccorso, dei Volontari di Calolziocorte e un'automedica. I rilievi sono stati affidati ai Carabinieri del Comando di Lecco. A preoccupare di più fin dal primo momento sono state le condizioni del centauro brianzolo che è stato ricoverato nel reparto di Neurorianimazione dell'ospedale Manzoni di Lecco a causa del grave trauma cranico riportato nell'impatto. Alessandro Stefano Tresoldi è deceduto nella notte. 

Il secondo centauro è invece stato trasferito in codice giallo all'ospedale Mandic. Un terzo motociclista, testimone della tragedia, è uscito illeso dal sinistro, riuscendo a schivare miracolosamente l'autovettura.

La notizia su Monza Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

Torna su
LeccoToday è in caricamento