Eroina a cinque euro per tenersi i clienti, ecco come agivano gli spacciatori sul "Besanino"

Gli otto arrestati davano anche dosi gratuite ai loro giovanissimi clienti

Marco Cadeddu durante la conferenza stampa

"El Diablo è tornato", aveva annunciato ai suoi clienti Khalid Kabal, noto spacciatore di origine marocchina, al suo ritorno in Italia: ora è in carcere insieme ad altre 5 "colleghi", mentre altre 2 sono ai domiciliari.

Nella conferenza stampa di questa mattina, 2 ottobre, il capo della Squadra mobile di Lecco, Marco Cadeddu, ha svelato dettagli e particolari dell'indagine, iniziata a dicembre 2014, che ha portato all'arresto di 8 uomini a capo di un complesso ed articolato sistema di vendita di sostanze stupefacenti.

Gli spacciatori, di origine italiana, marocchina e albanese, erano organizzati in 2 differenti gruppi, operanti in zone e ambienti differenti, tra loro autonomi.

Il primo gruppo, con a capo il 20enne albanese Francesk Mecaj, soggetto che si è dimostrato molto pericoloso ed aggressivo, operava nelle stazioni ferroviarie e sui vagoni della tratta Lecco-Milano, sul "Besanino". I clienti, soprattutto studenti pendolari, venivano avvicinati attraverso cessioni gratuite di droghe, prima leggere, come marijuana e hashish, e poi pesanti, soprattuto eroina. La rete di clienti era così velocemente creata dalla forte dipendenza psicologica e fisica provocata da questa droga, e dai prezzi irrisori alla quale veniva venduta, circa 5 euro a dose.

Oltre 2mila le vendite effettuate, in questi mesi, dagli spacciatori. I più giovani per poter acquistare la droga compivano reati collaterali, soprattutto furti di piccoli oggetti, bici o superalcolici; molte ragazze, tra cui una minorenne, offrivano invece prestazioni sessuali.

"Il fenomeno è molto preoccupante perchè i prezzi, soprattutto dell'eroina, stanno diminuendo drasticamente e la droga è, quindi, molto accessibile. I giovani non comprendono le conseguenze dell'uso di queste sostanze. Uscire dalla dipendenza dall'eroina non è impossibile, ma è difficilissimo", commenta il Capo della squadra mobile di Lecco, Marco Cadeddu.

Il secondo gruppo, con a capo il marocchino Khalid Kabal, chiamato "El diablo", operava nelle zone collinari vicino a Lecco, soprattutto nei pressi della stazione di Civate e nella zona di via Matteotti a Galbiate. Il marocchino e gli altri spacciatori erano aiutati nella vendita della droga dagli italiani William Barone, residente in provincia di Lecco, Davide Cusato e Natale Iraci, residenti in provincia di Milano: questi sono accusati di concorso in spaccio in quanto, in cambio di alcune dosi di droga, si prestavano da autisti per le consegne lungo le corsie o nelle piazzole della SS 36.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le zone difficilmente raggiungibili, la difficoltà di localizzare gli spacciatori, in quanto soggetti clandestini, e l'atteggiamento aggressivo di questi hanno posto numerosi problemi all'intervento delle forze dell'ordine, che hanno dovuto sviluppare, quindi, un'operazione molto strutturata e articolata, partendo dai clienti: ne hanno infatti identificati un centinaio, di cui una decina segnalati come assuntori di droghe pesanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrido di Bellano, si riapre: sabato 11 torna visitabile il percorso originale

  • Valmadrera: i Legnanesi danno spettacolo in via Casnedi. Presenti cinquecento persone

  • Triplo intervento dell'elisoccorso a Moggio, Mandello del Lario e sulla Grigna Settentrionale

  • Lecco, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

  • Santo Stefano: rissa in via Trento, intervengono carabinieri e soccorritori

  • Estate in Lombardia con Discovery Train, c'è un biglietto speciale per andare alla scoperta del territorio lecchese

Torna su
LeccoToday è in caricamento