In carcere l'aggressore delle due donne in stazione a Lecco

Non più i domiciliari per l'uomo autore della violenta azione nel sottopasso: ieri sera è stato prelevato in ospedale dalla Polizia per essere portato in cella

Non più agli arresti domiciliari, ma da ieri sera in carcere l’uomo responsabile delle violente aggressioni nei confronti di due donne nel sottopasso comunale della stazione di Lecco. Il video chocc della violentissima azione ha fatto nei giorni scorsi il giro d'Italia, suscitando rabbia e condanna da parte dell'opinione pubblica. L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Lecco su richiesta del Pubblico Ministero che ha proceduto sulla base delle indagini della Polizia di Stato, è stata eseguita ieri sera, giovedì, quando gli uomini della Polizia Ferroviaria hanno prelevato l’aggressore dall’ospedale, dove era ricoverato dalla mattina, per condurlo in carcere.

Quattro agenti per fermare la follia: l'arresto del giovane che ha commesso le aggressioni in stazione

L’uomo è accusato di lesioni continuate e aggravate dai futili motivi avendo, senza alcuna ragione apparente, dapprima spinto violentemente una donna facendola cadere a terra, successivamente colpito un’altra al volto facendole perdere i sensi, con conseguenti lesioni giudicate guaribili rispettivamente in 10 e 30 giorni.

Per l'aggressore, un cittadino straniero originario del Togo con permesso di soggiorno, era stato subito disposto il Tso oltre a una perizia medico-psichiatrica.

De Corato plaude l'arresto

«Il 24enne, originario del Togo, che lunedì scorso ha aggredito violentemente due donne nel sottopasso ferroviario della stazione di Lecco, dopo essere stato fermato dalla Polfer, fortunatamente, non è piu' ai domiciliari, ma in carcere. Visto che si tratta di un cittadino regolare, in quanto figlio di una donna con cittadinanza italiana, la speranza è che il percorso giudiziario si concluda con una sentenza esemplare e senza sconti di pena. Va ringraziata la Polfer per aver individuato e fermato immediatamente il responsabile. Resto convinto, ancora una volta, che nel nostro Paese in materia immigrazione ci sia un'emergenza sicurezza». L'ha dichiarato Riccardo De Corato, assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

  • Resta bloccata con l'auto al passaggio a livello, donna brianzola denunciata

Torna su
LeccoToday è in caricamento