«Metta l'oro in frigo o si corrode»: la truffa dei finti operatori del gas

A lanciare l'allarme Lario reti, che mette in guardia gli utenti su come smascherare i malintenzionati che si spacciano per incaricati. Gli ultimi episodi nel Meratese

Attenzione ai finti operatori di Lario reti gas. A lanciare l'allarme è lo stesso operatore dell'erogazione di servizi di distribuzione di gas e metano in provincia di Lecco, a seguito di numerose segnalazioni giunte nell'ultimo periodo. Gli ultimi episodi la settimana scorsa, nel Meratese, mentre qualche tempo prima i truffatori hanno tentato dei colpi in Valsassina.

Le potenziali vittime sono spesso anziane, e il trucco utilizzato nella stragrande maggioranza dei casi è quasi sempre lo stesso, davvero una sorta di pantomima: i malintenzionati si presentano come presunti incaricati di Lario reti, segnalano una fuga di gas ed esortano i proprietari di casa a mettere l'oro e i gioielli nel frigorifero, perché altrimenti potrebbero corrodersi. Nel frattempo, agendo quasi sempre in due, uno dei due distrae l'ignara vittima e l'altro "ripulisce" il frigo dai preziosi.

«Nessuno è autorizzato a vendere servizi porta a porta»

Lario reti gas ricorda che nessuna persona è autorizzata per svolgere vendita dei servizi porta a porta, tantomeno dei dispositivi di rilevamento di gas metano o monossido di carbonio, purificazione o controllo dell'acqua. È opportuno che i cittadini diffidino sempre da chiunque chieda di verificare una bolletta. Un buon metodo per smascherare eventuali truffatori? Esigere sempre di poter vedere il tesserino di identificazione della società dell'operatore che suona alla porta per un eventuale controllo o la lettura del contatore.

«Per fortuna la nostra campagna di sensibilizzazione e di prevenzione, in costante contatto con le forze dell'ordine, funziona - hanno spiegato dall'ufficio di comunicazione di Lario reti Holding - I casi sono in diminuzione rispetto allo scorso anno. Ricordiamo che i nostri letturisti sono abilitati a suonare alla porta in caso di necessità, ma sempre mostrando il tesserino e solo quando non trovino il contatore, che generalmente è collocato all'esterno. In tutti gli altri casi bisogna diffidare».

Per qualsiasi dubbio è possibile chiamare il centralino di Lario reti gas allo 0341 359111.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: ecco cosa cambia nel 2020

  • La terra trema: in serata terremoto rilevato nel territorio di Ello

  • Barzio: tragedia sullo Zucco Angelone, arrampicatore cade durante la scalata e perde la vita

  • Satech si amplia con una nuova sede e trenta assunzioni per il 2020

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

  • Tragedia a Osnago: attraversa i binari e muore sotto il treno

Torna su
LeccoToday è in caricamento