Si è spento padre Giulio Pasquini, frate dei Cappuccini del rione Santo Stefano. Sabato l'ultimo saluto

Il sacerdote era malato tempo, ma è stato un malore accusato sul sagrato della Parrocchia San Francesco d'Assisi a togliergli la vita

Padre Giulio Pasquini

Grave lutto nella comunità del rione Santo Stefano di Lecco. Nella giornata di giovedì 7 novembre si è spento padre Giulio Pasquini, frate milanese dell'Ordine dei Cappuccini che da tanti anni prestava servizio nel popoloso quartiere cittadino. A strapparlo ai suoi fedeli, a un mese dal suo settantaquattresimo compleanno, è stato un gravissimo malore accusato poco prima della messa delle ore 18 sul sagrato della chiesa di San Francesco, dov'era stato in prima battuta dal 1981 al 1991, dopodichè vi era tornato nel 2002; il personale sanitario inviato dalla sede della Croce Rossa di Lecco ha potuto solamente constatare il decesso del religioso, malato da tempo.

Il suo impegno religioso si era svolto anche tra i convento di Varese e la parrocchia di Garegnano, nel Milanese. Il funerale dovrebbe tenersi all'interno della medesima parrocchia San Francesco. Stimatissimo nel quartiere, era anche stato assistente spirituale della società sportiva Aurora San Francesco, che l'ha ricordato su Facebook.

Venerdì sera alle ore 21.00 si terrà la veglia all'interno della chiesa San Francesco, mentre sabato 9 novembre alle ore 15.30 sarà celebrato il funerale.

Scomparso padre Giulio Pasquini: il ricordo dell'Aurora

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • «Addio cara mamma, sei stata una donna fortissima»

  • Usmate Velate, schianto tra due auto sulla Provinciale: morto un lecchese di 26 anni

  • I pendolari Trenord lanciano il loro "sciopero": «Un mese tutti senza biglietti e abbonamenti»

  • Elaborazioni, pneumatici, scarichi: a Lecco è scoppiata la passione per il "tuning"

  • Lurago D'Erba: incidente mortale, muore una donna di Brivio

Torna su
LeccoToday è in caricamento