«Le persone che buttano soldi nel gioco non avranno più aiuti economici dal Comune»

Dura presa di posizione del sindaco di Pescate De Capitani: «Sono stanco di vedere cittadini che pur seguiti dai nostri servizi sociali sperperano interi stipendi e pensioni. Da noi non vedranno più denaro»

«Sono stanco di vedere persone di Pescate che pur seguite dai nostri servizi sociali sperperano interi stipendi e pensioni al lotto o ai vari gratta e vinci e lotterie istantanee. Almeno vadano a giocare fuori paese e non si facciano vedere da me».

L'ultima battaglia di Dante De Capitani, sindaco del comune pescatese, è contro il gioco d'azzardo, che può portare a gravi conseguenze psicologiche e sociali. E avere ripercussioni anche sulle amministrazioni comunali, in termini economici e di "fiducia" nei confronti del cittadino assistito. «Non è possibile che persone in difficoltà economiche sperperino al gioco tutti quei soldi, anche duecento euro a volta come se fosse la cosa più normale del mondo, e poi si rivolgano al Comune perche non hanno da mangiare o sono in difficoltà economiche - spiega De Capitani - Da adesso in avanti chi gioca cifre spropositate eviti poi di rivolgersi al Comune perche noi non daremo un euro a chi butta i soldi in questo modo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rifiuti abbandonati sulla SS36, De Capitani difende Anas e critica i sindaci

Una posizione forte, quella del sindaco, che prima di tutto ha motivazioni etiche. «È immorale e vergognoso buttare i soldi così e il primo a doversi vergognare è lo Stato che non pone limiti a questo scandalo che rovina le persone - prosegue - Già non è una bella cosa vedere casalinghe e pensionati assemblati ai banconi degli esercizi commerciali, fissati agli schermi dei numeri nella speranza di vincere, ma non è quello il punto. Il punto è rovinare se stesso e la propria famiglia per il vizio del gioco e poi chiedere sostegno al Comune e quindi a tutti gli altri cittadini. Da adesso in avanti chi gioca in questo modo non avrà più nessun sostegno che non sia un piatto di minestra o aiuti in natura perche dar loro soldi significherebbe buttarli nel gioco. La cosa positiva è che Pescate figura agli ultimi posti nel gioco d'azzardo della Provincia (giocata pro capite nel 2017 pari a 517 euro annui, ndr) ma non per questo ci sediamo sugli allori e continueremo il nostro contrasto in tutti i modi a questa piaga sociale».

Slot machine: quanto si gioca nel Lecchese

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

  • Coronavirus, il Presidente Attilio Fontana ha firmato una nuova ordinanza

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Lecco sono centomila

  • Coronavirus, Borrelli sposta la fine della quarantena: «Credo che staremo a casa anche il primo maggio»

  • Sconti per famiglie in difficoltà e corsie preferenziali: le misure di Esselunga contro il Coronavirus

  • Coronavirus, Fontana: «Bisogna prepararsi se il Coronavirus dovesse tornare a ottobre»

Torna su
LeccoToday è in caricamento