Maxi operazione Polizia-Questura: sequestrati beni e liquidi per milioni di euro

Finanzieri e poliziotti della "Mobile" hanno portato alla luce un'associazione criminale finalizzata a frodare imposte per milioni di euro

I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Lecco e il personale della Squadra Mobile della Questura di Lecco, coordinati dalla Procura della Repubblica di Bergamo, nell'ambito dell'indagine "Pecunia Facilis" hanno portato alla luce un'associazione criminale finalizzata a frodare imposte per milioni di euro; è stato eseguito il sequestro di beni immobili, mobili e liquidità fino a sedici milioni di euro per l'utilizzo fraudolento di crediti d'imposta.

Frode fiscale, cooperative emettono fatture false per 20 milioni di euro

Varie le persone implicate nel castello smontato da militari e agenti lecchesi; i dettagli della maxi inchiesta congiuta saranno illustrati in una conferenza stampa organizzata per venerdì pomeriggio all'interno delle sale della Questura di Lecco.

Vendevano finti abiti "Yves Saint Laurent", nei guai due società lariane

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Colpo di sonno alla guida, l'auto si ribalta: finiscono in due in ospedale

  • Notizie

    Telecamere per la sicurezza: otto nuovi punti di lettura targhe tra Bellano e Vendrogno

  • Eventi

    Calcio, Serie D: Lecco-Casale

  • Cronaca

    Molteno: minacciato con una siringa e derubato. De Corato: «Servono i soldati in stazione»

I più letti della settimana

  • Giovane scompare da casa: dopo l'appello, Cristian è stato ritrovato

  • Contromano sulla SS36: fermato automobilista di 82 anni

  • Carne e pesce mal conservati: messi i sigilli ai prodotti di un minimarket

  • Offerte di lavoro, Tigotà assume personale nel Lecchese: come candidarsi

  • Urinano sui mezzi dei Vigili del fuoco. Uno di loro aggredisce i poliziotti intervenuti sul posto

  • Allerta a Malpensa, uomo scappa sulla pista: aeroporto chiuso

Torna su
LeccoToday è in caricamento