Precipita nel vuoto, 53enne muore sul ghiacciaio Fellaria

La vittima, Franco Ferrari di Chiesa, era titolare di un negozio di arredamenti. Lascia la moglie e tre figli. Fra le ipotesi un cedimento del ghiaccio causato dalle elevate temperature

È precipitato nel vuoto per decine e decine di metri sotto gli occhi impotenti della moglie e di un'amica. Un volo che non gli ha lasciato scampo. La tragedia in montagna è avvenuta domenica pomeriggio in Alta Val Malenco, nel territorio comunale di Lanzada (Sondrio). La moglie e l'altra donna sono state soccorse sotto choc.

L'allarme è scattato poco prima delle 17. E soltanto in serata le squadre del Soccorso Alpino, con la collaborazione dei militari del Sagf della Guardia di Finanza di Sondrio, sono riuscite a recuperare il cadavere di Franco Ferrari, 53 anni, residente a Chiesa in Valmalenco (Sondrio), dove era titolare di un negozio di arredamenti. Lascia la moglie e tre figli. La tragedia si è verificata sul ghiacciaio Fellaria, a circa 3.500 metri di altitudine, nell'imponente gruppo montuoso del Bernina.

Non è escluso che possano avere avuto un peso le temperature ancora elevate, delle ultime settimane, che potrebbero avere determinato un improvviso cedimento del ghiaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • Coronavirus: 173 casi in Lombardia, sei decessi. Migliorano le condizioni del giovane al "Manzoni". Treni: -60%

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

  • Nuova interdittiva antimafia del Prefetto: colpiti "Lungolago" e "Tabula Rosa"

Torna su
LeccoToday è in caricamento