Merate, morto in Trentino il proprietario della "Diana"

Riccardo Bechis, 52 anni, è deceduto sulle nevi di Malga Canalece, dove si trovava in vacanza con la famiglia, in seguito ad un infarto

Fine settimana tragico per la "Rue Royale Diana spa" e la famiglia Bechis, che ha visto decedere Riccardo, 52enne presidente e proprietario della nota industria di costumi, in seguito a un infarto fulminante che l'ha colpito durante le vacanze in Trentino.
Intorno alle 16.30 di sabato 27 febbraio l'uomo si è accasciato a terra durante una camminata nelle nevi di Bretonico, sulla Malga Canalece, ed è morto prima che i soccorsi giungessero sul posto per tentare di rianimarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel 2000 Bechis aveva ricevuto l'ambito "Ambrogino d'Oro", premio assegnato dalla città meratese, per l'attività aziendale. La "Diana" era stata fondata a ridosso degli anni Cinquanta (1947) da Luigia e Pietro Casati a Merate e aveva vissuto il periodo di maggiore diffusione negli anni Settanta grazie alla creazione dei costumi sgambati. L'azienda, sita in via Statale, nella sua storia ha collezionato cinquecento medaglie grazie alle vittorie degli atleti di Francia, Svizzera, Spagna, Svezia, Norvegia, Jugoslavia, Slovenia, Stati Uniti, Inghilterra, Ucraina e Portogallo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

Torna su
LeccoToday è in caricamento