"Scuole Sicure": carabinieri al lavoro con i cani, fermato un giovane. Boscagli: «E' una situazione triste»

I militari del comando provinciale di Lecco e i colleghi del reparto cinofilo di Casatenovo avrebbero rinvenuto alcuni quantitativi di sostanza stupefacente

Un'immagine dell'operazione compiuta dai carabinieri in mattinata

Operazione mattutina dei carabinieri del Comando Provinciale di Lecco e del Nucleo Cinofili di Casatenovo, che hanno proseguito con lo svolgimento di "Scuole Sicure" e replicato quanto già fatto lo scorso mercoledì 12, all'avvio dell'anno scolastico negli Istituti facenti parte del terrotirio provinciale.

Alla presenza del Comandante provinciale Pasquale del Gaudio e del tenente colonnello Claudio Arneodo, diversi equipaggi dei militari sono stati dislocati tra la stazione cittadina e via Balicco, zona da tempo attenzionata per la presenza di cellule di spacciatori già perseguite in passato dalla Polizia.

Stando a quanto appreso, i militari hanno fermato e perquisito alcuni giovani in transito nella zona, trovati con delle piccole quantità di sotanza stupefacente addosso e quindi segnalati come possessori. Iniziative similari saranno ripetute nel corso dell'anno scolastico per scoraggiare gli spacciatori attivi.

Scoperto dai carabinieri con la marijuana in tasca: denunciato un giovane 

Fermato un giovane con l'eroina, quaranta i controllati

I Carabinieri della Compagnia di Lecco nell’ambito del programma “Scuole sicure” finalizzato alla prevenzione ed al contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno predisposto nella mattinata odierna mirati servizi nei pressi della locale Stazione Ferroviaria nonché lungo la via Ferriera di Lecco, entrambi i luoghi interessati dall’arrivo e dal passaggio di giovani studenti. I Carabinieri, con il supporto di un’unità cinofila antidroga del Nucleo CC di Casatenovo, hanno proceduto al controllato di oltre quaranta giovani e hanno segnalato alla competente Autorità Amministrativa per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale, un giovane di nazionalità italiana, fermato nei pressi dell’incrocio tra via Ferriera e via Balicco, trovato in possesso di 0,6 grammi di eroina.

Il consigliere Boscagli: «Si spaccia in pieno centro, è triste»

L'operazione è stata così commentata da Filippo Boscagli, consigliere attualmente in carica presso il consiglio comunale di Lecco: «Stazione, Via Balicco, Via Ferriera, Vicolo Cima e Biblioteca. Triste constatare che oltre ad esistere, i luoghi dello spaccio, del degrado e dove avvengono i gesti di violenza lecchese sono in pieno centro, sotto gli occhi di tutti, dove passano migliaia di persone ogni giorno e tanto più i luoghi degli studenti».

Prosegue: «Già era incredibile, inimmaginabile, per Lecco aver dovuto murare una Via, per l'appunto Via Ferriera (la cui unica residenza è il centro di accoglienza migranti al Ferrhotel), per la oggettiva impossibilità a controllarne quotidianamente l'attività di spaccio e di violenza. Ma a questo si aggiunge la situazione degradante della stazione, non diversa da quella che fa più notizia dei treni, che oltre all'assurdità urbanistica di essere irraggiungibile in auto, regolarmente registra risse tra bande o spaccio nei bagni. Così come le vie retrostanti che da tranquilla zona residenziale diventano, per le notizie di cronaca come la retata di oggi o delle risse agostane, una zona assolutamente da evitare tanto più con il buio..a Lecco..»

«Al netto che da lecchese reputi questa situazione surreale, cosa fare? - s'interroga Boscagli - Anzitutto, alle condizioni di oggi, NON riaprire per nessun motivo Via Ferriera se non una volta ripensata completamente l'area (e visto oggi quanto sarebbe stato utile il tanto vituperato sovrappasso stazione-Meridiana) partendo dalla futura dismissione e riqualificazione di Ferrhotel e attività limitrofe da inserire nei continui tira e molla con RFI e Trenitalia; aumentare il numero di Polizia Locale e FFOO presenti in strada, chiedendo un presidio continuo in stazione alla Polfer, rinforzare il numero di telecamere della nostra centrale operativa ma con la possibilità che ci sia anche un numero sufficiente di agenti che visto qualcosa possano intervenire...»

«Con un minimo di buon senso - conclude -, e davvero pochissimi investimenti, tutta Lecco ne guadagnerebbe in serenità e qualità di vita».

spaccio droga 17 settembre 2018-2

Le zone attenzionate dai carabinieri (Foto da FB di Filippo Boscagli)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • Elaborazioni, pneumatici, scarichi: a Lecco è scoppiata la passione per il "tuning"

  • I pendolari Trenord lanciano il loro "sciopero": «Un mese tutti senza biglietti e abbonamenti»

  • Guida Michelin, il Lecchese si conferma: "Porticciolo" e "Pierino Penati" rimangono stellati

  • Merate: scomparsa Tatiana Malikova, cittadina russa residente in una struttura ricettiva

  • Le migliori scuole della provincia di Lecco: i risultati per ogni indirizzo

Torna su
LeccoToday è in caricamento