Cerca di rapinare spacciatore e gli spara: arrestato per tentato omicidio

I fatti nella serata di sabato: il 23enne, con un complice, si è introdotto nel bosco e ha aggredito il 18enne, ferendolo a una mano con un'arma da fuoco. Gli agenti della Questura lo hanno rintracciato e arrestato il giorno seguente: ora è in carcere

Spara a uno spacciatore nei pressi del Ponte della Gallina, poche ore dopo viene rintracciato e arrestato dagli uomini della Questura di Lecco. 

Il fatto è accaduto nella serata di sabato 28 settembre: Hetem Mevljan, 23enne macedone, si è recato in un bosco sopra il capoluogo lecchese accompagnato da un complice di origine albanese, con l'intenzione di rapinare K. I., 18enne di origine marocchina, dei proventi della presunta attività di spaccio. Il più giovane ha cercato di resistere all'aggressione, ma nel contatto ravvicinato il macedone ha sparato, colpendolo a una mano. La vittima, ferita, si è data alla fuga riuscendo a seminare i rapinatori e salendo a bordo di un autobus di linea nei pressi del rione di Laorca. Attraverso il mezzo pubblico, il 18enne ha raggiunto la stazione di Lecco e ha contattato il 118 che lo ha accompagnato al Manzoni. Al pronto soccorso dell'ospedale i sanitari gli hanno amputato due falangi della mano sinistra.

Quattro agenti per fermare la follia: l'arresto del giovane che ha commesso le aggressioni in stazione

Subito gli investigatori della Squadra mobile si sono messi al lavoro con l'ausilio delle Volanti e della Polizia scientifica e hanno individuato alcuni testimoni, acquirenti abituali dello spacciatore. Grazie alle dichiarazioni delle persone informate sui fatti, la Polizia è riuscita a ricostruire la dinamica del delitto e - nella mattinata di domenica - a identificare i rapinatori, in particolare il responsabile del tentato omicidio, trovato nella sua abitazione come se nulla fosse accaduto.

Il pm di turno, Paolo Del Grosso, ha disposto per il 23enne macedone il trattenimento presso la locale Casa Circondariale in attesa della convalida dell'arresto. Oggi, a seguito di interrogatorio di garanzia, il Gip del Tribunale di Lecco ha confermato la custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

  • "Lecco non si lega": mille alborelle scendono in piazza contro violenza e odio

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

Torna su
LeccoToday è in caricamento