Truffe agli anziani, la Questura di Lecco: «Mai cedere denaro»

Dopo il dilagare di tentativi da parte dei malviventi, i consigli alla cittadinanza sulle ormai celebri truffe dello specchietto e del finto incidente

Il fastidioso fenomeno delle truffe agli anziani continua da diverso tempo ad essere presente anche nel territorio della Provincia di Lecco. Gli episodi - e le denunce - fioccano nell'ultimo periodo.

Si tratta, in particolare, di soggetti senza scrupoli che, nella gran parte dei casi, telefonicamente tentano di raggirare le loro vittime ignare, in particolare anziane, presentandosi come sedicenti appartenenti alle dorze dell'ordine; i malfattori raccontano come un parente, generalmente il figlio, sia stato coinvolto in un incidente stradale e per risolvere le varie situazioni burocratiche e per non incorrere in conseguenze anche di carattere penale, propongono di chiudere bonariamente il sinistro tramite la consegna di denaro contante e/o preziosi».

Truffa dello specchietto, estorcono denaro ad anziani

Si tratta evidentemente di truffe, come capita anche nel caso di malfattori che tentano di raggirare alcune vittime con la scusa di un falso incidente automobilistico, in molti casi tentando di estorcere denaro. I malviventi sono in possesso di materiale solitamente usato per lasciare i segni sulla vettura al fine di inscenare un finto incidente. Inoltre, i soggetti si presentano con il volto truccato per essere meno riconoscibili dalle vittime.

Sostanzialmente le vittime, di solito ultrasettantenni, sono avvicinate dai malfattori mentre sono alla guida delle proprie autovetture e improvvisamente vengono fermate dai truffatori che lamentano di essere stati urtati dall'inconsapevole utente della strada.

I malviventi, distraendo la vittima, riportano dei segni sulla loro vettura, fingendo di essere stati appena urtati. Le vittime, intimidite dai toni aggressivi dei truffatori, consegnano tutti i soldi che hanno con loro; i criminali, non contenti, costringono inoltre gli anziani, con la minaccia di gravi conseguenze giudiziarie, a farsi dare altro denaro facendolo prelevare al bancomat più vicino.

Ultimamente segnalazioni riguardano anche un giovane che, nei rioni di Acquate e Germanedo, avvicina le persone e cerca di estorcere denaro «per fare benzina» con la scusa dello sportello bancomat difettoso. Gli episodi, tutti identici nello svolgimento, sarebbero numerosi.

Furti a raffica al Bennet, tre denunce e un arresto

Fortunatamente si hanno positivi riscontri sui fenomeni sopra citati, nel senso che la campagna di sensibilizzazione attivata dalle forze di Polizia ha permesso a molte potenziali vittime di accorgersi in tempo utile del tentativo di truffa in atto, ma non bisogna mai abbassare la guardia.

La Questura di Lecco sensibilizza la cittadinanza e gli automobilisti a non cedere mai denaro in caso di richieste telefoniche afferenti incidenti occorsi a propri congiunti ovvero in caso di sinistro stradale e, qualora la controparte diventi aggressiva o minacciosa, si raccomanda di contattare immediatamente le forze di Polizia attraverso il numero di emergenza 112.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Meteo

    Previsioni: il vento forte porta sul Lecchese temperature invernali

  • Cronaca

    Accoltellato fuori da casa a Merate, individuati gli aggressori

  • Notizie

    Oggi, giorno di sciopero, entrano in vigore i nuovi orari dei treni

  • Cronaca

    Accusa malore ai Piani di Bobbio: elisoccorso in azione

I più letti della settimana

  • Natale: sul Lago arriva "Il presepe più bello del mondo". Appuntamento il 15 dicembre

  • "Valhalla", il primo ristorante vichingo d'Italia è a due passi da Lecco

  • Mandello: cade da un ponte, cinquantenne in gravi condizioni

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Locale sfollato per soccorrere ragazzina, tra i presenti anche studenti lecchesi

  • Treno soppresso, la gita diventa un'odissea per 120 bambini dell'asilo

Torna su
LeccoToday è in caricamento