Alla Bonaiti Serrature la tappa finale del viaggio alla scoperta delle storiche industrie calolziesi

Dopo la Cartiera dell'Adda e l'ex Sali di Bario, visita all'azienda di Foppenico. Soddisfazione da parte di imprenditori e partecipanti all'iniziativa promossa dall'assessorato guidato da Cristina Valsecchi

Terza e ultima tappa del tour alla scoperta delle storiche industrie calolziesi promosso dall'Amministrazione comunale. Dopo la Cartiera dell'Adda e l'ex Sali di bario, in tanti hanno partecipato sabato all'incontro che si è tenuto alla Bonaiti Serrature di via Fratelli Bonacina.

La storia dell'azienda

I dirigenti dell'azienda di Foppenico hanno ripercorso la storia dell'impresa fondata nel 1936, per arrivare agli importanti numeri e alle attività di oggi. Tutto iniziò già nel lontano 1830 con l'attivià della Giuseppe & F.lli Bonaiti specializzata nella produzione di serrature per porte in legno. Negli anni Trenta si avviò la produzione industriale vera e propria delle serrature da applicare nella parte esterna e frontale delle porte, con passaggi via via sempre più innovativi. A inizio 2000 la Bonaiti Serrature, sempre all’interno dello stabilimento di Calolziocorte, attiva la produzione delle serrature magnetiche, risultato delle attività di ricerca e sviluppo fatte negli anni.

Tecnologia, ricerca, produzione e design italiano sono - come ricordato nell'incontro di sabato - le parole d'ordine dell'azienda. Il forte legame con il territorio è testimoniato anche dal logo che riporta la stilizzazione della forma del lago di Como. Come ricordato nel sito internet dell'industria, oggi la Bonaiti Serrature si sviluppa su un’area di 17.000 metri quadrati, di cui 8.000 coperti. Gestisce 4.000 articoli da spedire a 1.500 clienti in Italia e nel mondo. Nei reparti circa 70 dipendenti producono ogni giorno 15.000 serrature su 12 linee automatiche. L’uso di materiali non inquinanti e il ciclo di lavorazione rispettoso dell’ambiente, permettono alla Società di essere riconosciuta come un’azienda ecocompatibile.

Alla scoperta delle industrie storiche calolziesi

All'incontro organizzato dal Comune (in particolare dall'assessorato Eventi) con l'aiuto della biblioteca, erano presenti diversi cittadini, lavoratori e rappresentanti dell'Amministrazione comunale, in particolare l'assessore Cristina Valsecchi (Eventi, Protezione civile e Associazioni), Tina Balossi (Servizi sociali e Personale) e il Consigliere comunale Pamela Maggi, ritratti nella foto sopra con i dirigenti della Bonaiti Serrature che hanno accolto i visitatori.

Proprio Cristina Valsecchi ha commentato con soddisfazione il viaggio alla scoperta delle industrie calolziesi, molto seguito e apprezzato sia dagli imprenditori che dai cittadini presenti ai tre incontri.

Potrebbe interessarti

  • Come pulire il lavello in acciaio: rimedi naturali

  • Aree verdi nel Lecchese: 5 mete ideali per stare a contatto con la natura

  • Le proprietà della ciliegia e tutti i suoi benefici

  • Mirtillo nero: proprietà e benefici

I più letti della settimana

  • Troppi batteri nell'acqua del lago e motivi di sicurezza: vietato fare il bagno in tre spiagge del Lecchese

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: ecco il primo negozio dedicato alla vagina

  • Giù la serranda per l'ultima volta: Lecco perde anche Teorema Giocattoli

  • Strappa la collana a una donna, tre passanti lo inseguono e recuperano il bottino

  • Dervio. Accusa malore mentre è in auto: grave uomo anziano

  • Malore alla guida, perde il controllo ed esce fuori strada: elisoccorso in Valassina

Torna su
LeccoToday è in caricamento