Borse sociali lavoro 2014: la Provincia stanzia 50mila euro

In questi tempi di crisi economica e lavorativa la Provincia di Lecco ha deciso di riproporre l'esperienza della Borsa Sociale Lavoro, visti i risultati positivi conseguiti negli anni precedenti, il crescente tasso di disoccupazione e lo stato di grave indigenza in cui versa un crescente numero di famiglie.

Le Borse Sociali Lavoro prevedono che i Comuni interessati concorrano col 50% di risorse proprie alla copertura dei costi. Allo stanziamento iniziale di 50.000 euro potranno seguire in corso d’anno ulteriori stanziamenti in funzione dell’andamento delle richieste. Lo stanziamento complessivo potrà quindi raggiungere 100.000 euro.

La Borsa Sociale Lavoro è rivolta alle famiglie e unicamente ai single con persone a carico. Potranno beneficiare delle Borse Sociali Lavoro le persone segnalate dai Comuni e in possesso dei seguenti requisiti:
•    essere residenti in provincia di Lecco prima del 1° gennaio 2013
•    essere disoccupati
•    non beneficiare di alcun ammortizzatore economico
•    essere in comprovato stato di bisogno economico e sociale

La Borsa Sociale Lavoro prevede lo svolgimento di un tirocinio lavorativo presso un ente pubblico o un’azienda privata. Al lavoratore verrà erogato un compenso economico di 600 euro nel caso di inserimento in un ente pubblico e non meno di 800 euro se l’inserimento avviene in un’azienda privata. I costi della Borsa Sociale Lavoro sono suddivisi fra Provincia, Comune e azienda interessata.

Lo scorso anno hanno aderito 48 Comuni e sono state attivate 148 Borse Sociali Lavoro con una spesa complessiva ripartita tra Provincia (193.421 euro), Comuni (105.797 euro) e aziende (75.800 euro).

“Lo strumento della Borsa Sociale - commenta l’Assessore ai Servizi alla Persona e alla Famiglia, Politiche Giovanili, Lavoro Antonio Conrater - si è rivelato particolarmente apprezzato e ha rappresentato una risposta, anche se necessariamente limitata, alle condizioni di maggior disagio sociale. Con la Borsa Sociale non solo offriamo un contributo economico, ma restituiamo alle persone anche la dignità di lavoratori. Per questo motivo, la Provincia ha deciso di rifinanziare questo progetto”.

Per informazioni:
Provincia di Lecco - Servizio Collocamento Disabili e Fasce Deboli
corso Matteotti 3, 23900 Lecco
telefono: 0341 295532 - 295533
fax: 0341 295591
email: collocamento.obbligatorio@provincia.lecco.it
pec: provincia.lecco@lc.legalmail.camcom.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calolzio piange Serena, stroncata a soli 45 anni dal Coronavirus

  • Coronavirus, l'ordinanza diventa più breve: ridotta di dieci giorni la durata, mantenuti i divieti

  • Coronavirus: contagi dimezzati in Lombardia. Nel territorio Lecchese calano del 60%

  • Addio a Mario La Barbera, colonna dei Volontari del Soccorso di Calolzio

  • Mandello: donna di 84 anni cade dal balcone, è in gravissime condizioni

  • Coronavirus, il punto. Nel Lecchese si va oltre quota mille, deceduto il dottor De Gilio

Torna su
LeccoToday è in caricamento