Hospice "Il nespolo": ad Airuno dignità e cure anche alla fine della vita

Il centro accoglie gratuitamente, ogni anno, circa duecento malati terminali e le loro famiglie

Affrontare lo stadio terminale di una malattia, accompagnare qualcuno verso la fine della vita e prepararsi a vivere un lutto, è uno dei percorsi che più mettono alla prova una persona e la sua famiglia.

Spesso riuscire a far fronte a una situazione tanto drammatica è meno difficile se accanto si ha qualcuno in grado di fornire assistenza e cure al malato, ma anche sostegno ai familiari: è in questo campo che opera l'associazione Fabio Sassi Onlus, nata nel 1989 in ricordo di un giovane meratese morto a causa di un tumore.

L’associazione, che ha fatto del volontariato e dell’assistenza ai malati terminali la propria missione, in 25 anni di attività ha assistito migliaia di pazienti durante gli ultimi giorni di malattia, sia a domicilio, in collaborazione con le équipes di cure domiciliari del Dipartimento fragilità dell’Asl/Ao, sia all’hospice "Il nespolo" di Airuno, struttura parte della Rete provinciale delle cure palliative, costruita e gestita dall’associazione fin dall’inizio, nel 2002, e nella quale sono accolti circa 200 malati ogni anno.

Nelle 12 camere dell'hospice il paziente è libero di trascorrere gli ultimi giorni in compagnia della sua famiglia, senza limitazioni negli orari di visita e, anzi, con la possibilità di mangiare e anche trascorrere la notte con i suoi cari: tutte le camere, infatti, dispongono di poltrone letto, e alcune sono dotate anche di angolo cottura per condividere i pasti. 

Il ricovero nella struttura, che segue indicatori di priorità basati su precisi criteri di urgenza sociale e clinica, è completamente gratuito per i pazienti e le famiglie: una quota, infatti, è coperta dal Servizio sanitario regionale, mentre la parte restante è a carico dell'associazione, che si finanzia grazie alle donazioni di privati cittadini.

Gratuito è anche il progetto "Oltre", avviato nel 2003 per aiutare le famiglie dei malati terminali a elaborare il lutto e a ritrovare la voglia di ricominciare dopo la perdita di una persona cara.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.fabiosassi.it, chiamare il numero 039/9900871 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13, o scrivere a fabiosassi@asl.lecco.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

  • "Lecco non si lega": mille alborelle scendono in piazza contro violenza e odio

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

Torna su
LeccoToday è in caricamento