Husqvarna, per i lavoratori cassa integrazione straordinaria e coperture durante il presidio

Le garanzie sono giunte dai vertici dell'azienda nell'incontro di lunedì a Confindustria. Anghileri (Fiom Cgil): «Chiediamo sforzo per mantenere occupazione a Valmadrera». Visita di Bentivogli, segretario generale Fim Cisl, agli operai

Crisi Husqvarna: in attesa di capire le possibilità di cessione dell'azienda, per i lavoratori sono giunte rassicurazioni. L'atteso incontro negli uffici di Confindustria a Lecco si è svolto nel pomeriggio di lunedì. Al tavolo di via Caprera si sono seduti Rsu, sindacalisti, vertici dell'azienda e legali dell’associazione degli industriali. Fuori, invece, i lavoratori hanno presidiato l'area, per sottolineare che si sta giocando il loro futuro.

Husqvarna, lettera aperta dei dipendenti: «Discriminati dall'azienda»

«Abbiamo chiesto di poter utilizzare la cassa integrazione straordinaria per avere una copertura per un periodo più lungo, sperando che si trovi qualche acquirente intenzionato a rilevare il sito - spiega Fabio Anghileri, segretario della Fiom Cgil Lecco - Abbiamo poi cercato di capire se c'è la disponibilità dell'azienda a darci una mano dal punto di vista dei contributi e della retribuzione per le settimane in cui siamo in presidio. In entrambi i casi abbiamo ricevuto parere favorevole. La prima cosa che chiediamo è, però, che ci sia lo sforzo di fare tutto il possibile per mantenere l'occupazione nel sito produttivo di Valmadrera. Dobbiamo lavorare nel più breve tempo possibile, perché ci è stato annunciato che entro il fine settimana manderanno la comunicazione con l'intenzione di licenziare i lavoratori. Abbiamo già messo in calendario un incontro martedì 11 giugno, poi avremo 45 giorni per trovare un accordo. Ovviamente l'intento è quello di trovare una soluzione nel più breve tempo possibile per trovare una copertura per queste persone».

Nel pomeriggio di lunedì i sindacalisti hanno parlato anche all'Unità di crisi della Provincia di Lecco. «L'Amministrazione provinciale si è resa disponibile ad aiutarci e a mettere in campo anche eventuali percorsi di ricollocazione» sottolinea Anghileri. Sono circa 80 su 102 i dipendenti che rischiano il licenziamento.

Bentivogli fuori dalla fabbrica: «Difendere le imprese»

Bentivogli Cisl a Husqvarna-2

Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl, ha fatto visita nel primo pomeriggio (nella foto) al presidio organizzato davanti ai cancelli della fabbrica Husqvarna a Valmadrera. Una vista che dimostra la solidarietà del vertice del sindacato alla lotta dei lavoratori dell'azienda.

«Invece di perdersi in questioni inutili e buone solo per la campagna elettorale - ha detto Bentivogli, accompagnato nella visita da Enrico Vacca segretario generale Fim Cisl Monza Brianza Lecco e da Lorenza Ballerini, responsabile di zona - i membri del governo dovrebbero elaborare un piano di politica industriale in grado di difendere le imprese e, con esse, i lavoratori».

Quella dell'Husqvarna, purtroppo, è una situazione simile a quella di molte altre aziende. «Per questo motivo - ha affermato Bentivogli - è necessario che tutti i lavoratori metalmeccanici scendano scioperino il 14 giugno e scendano in piazza. Bisogna testimoniare la situazione delicata della nostra economia a dispetto degli annunci in senso contrario che arrivano dal governo».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regione Lombardia riconosce cinque nuove attività storiche in provincia di Lecco

  • Scomparso 32enne: ricerche in corso sul Monte Moregallo

  • Schianto in via Mazzini a Calolzio, motociclista soccorso d'urgenza

  • Incidenti sulla SS36 nella serata di domenica: coinvolte quattro persone

  • Valle San Martino, sindaco insultato e picchiato da un passante

  • Sciopero generale, 24 ore di stop: dalla scuola ai trasporti, rischio caos anche per i rifiuti

Torna su
LeccoToday è in caricamento