Rapporto 2019 di Confartigianato, Riva: «Strumento fondamentale»

Il presidente: «Il 2019 si è aperto con la recessione tecnica. Qualche timido segno più c'è ma non possiamo dire di sentirci in salvo»

Non ci può essere strategia vincente che non parta da un'attenta e dettagliata analisi del contesto in cui ci muoviamo. Per questo ritengo che il Rapporto Territoriale di Confartigianato Imprese Lombardia, nella sua declinazione lecchese, sia uno strumento fondamentale per capire dove siamo e dove possiamo mirare ad arrivare.

Come ci insegnano i filantropi, il presente va vissuto con la consapevolezza di ciò che siamo stati e lo sguardo sempre rivolto al futuro. Un approccio che deve accompagnarsi con quello che ci insegna la statistica, ovvero che i segni più e meno e gli indicatori oggettivi possono delineare politiche economiche più o meno di successo. La realtà, nella sua fotografia a tratti spietata, va analizzata e interpretata attentamente. Solo così avremo quel terreno pronto da arare e seminare con la nostra capacità di imprenditori artigiani, centrando l'obiettivo. Qualsiasi scelta, progetto o programma che non tenga presente la dimensione numerica del contesto economico, rischia di essere mera fantascienza.

Scarica il Rapporto 2019 di Confartigianato

Il Rapporto Territoriale rappresenta quindi la nostra bussola in questo mare in burrasca. Il 2019 non si è aperto nel migliore dei modi, con lo spettro della recessione tecnica in cui siamo poi effettivamente scivolati. E anche se ora con qualche timido segno più si intravede un barlume di speranza, non possiamo certo dire di sentirci in salvo. I numeri di questo Rapporto lo dimostrano, nonostante le nostre imprese artigiane contribuiscano a farci salire in molti casi sui primi gradini del podio. Per questo dobbiamo ringraziare principalmente noi stessi. Nonostante le congiunture sfavorevoli, le leggi che non ci favoriscono, gli spropositati costi dell'energia, la difficoltà nell'accesso al credito, nel Dna dell'artigiano manca il cromosoma della lamentela. Anche se spesso minacciamo di tirare i remi in barca, le risorse che siamo in grado di tirare fuori quando tutto intorno a noi sembra volgere al peggio sono inesauribili.

«Le mpi hanno cambiato pelle»

La forza dell'artigianato è tutta qui da vedere, in questo Rapporto: le micro e piccole imprese lecchesi, ad altissima incidenza artigiana, sono sopravvissute alla più spaventosa crisi economica mondiale degli ultimi 70 anni, hanno cambiato pelle, hanno saputo innovarsi e tenere il passo con i mercati. La nostra forza, la nostra concretezza e la nostra storica solidità sono riuscite a creare un valore universalmente riconosciuto. Questo fattore, insieme alla capacità di aprirci alle novità della globalizzazione - tra tutti il digitale e i nuovi bisogni della popolazione internazionale - e di fare rete con gli altri soggetti del territorio, ha saputo attrarre nuovi giovani e donne che oggi fanno parte a pieno titolo della nostra squadra. Una squadra che ha tutti gli strumenti per andare avanti e vincere.

Gli anni che verranno, a partire da come si concluderà il 2019, non saranno facili per nessuno. Ma la nostra Associazione ha le spalle larghe e tutte le risorse per uscire ancora una volta vincente. A partire dall’attenta analisi dei numeri, chiediamo che le Istituzioni tengano ben presente la nostra forza e che finalmente introducano nuove misure che favoriscano lavoro e occupazione.

Daniele Riva
Presidente Confartigianato Lecco Imprese

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Monticello: trovati i due giovani che si sono schiantati sulla rotonda a 160 km/h

  • Grave incidente dopo il Motoraduno per una coppia: «Aiutateci a ritrovare l'angelo che ci ha aiutato»

  • Monticello: emergono le foto dell'Alfa incidentata. Sul web scatta l'ironia

  • Il manifesto per gli auguri di matrimonio che ha incuriosito tanti calolziesi

  • Tragedia a Casatenovo: muore al lavoro nell'azienda agricola

  • La calolziese Silvia protagonista di una delle più importanti fiere d'arte contemporanea d'Italia

Torna su
LeccoToday è in caricamento