Varenna vota il suo bilancio di previsione e annuncia: «Al via interventi strutturali in paese»

L'annuncio del sindaco Manzoni: «Vivere Varenna e Uniti per Varenna avanti insieme. Documento contabibelmente solido»

Il sindaco Manzoni (a destra) e il consigliere Ferrara

E' stato approvato con voto unanime dei consiglieri il bilancio di previsione del Comune di Varenna. A fine febbraio l’Amministrazione del paese centro lariano, sorretta dall’alleanza stretta dai due gruppi consiliari Vivere Varenna ed Uniti per Varenna e guidata dal Sindaco Mauro Manzoni, ha portato in aula un documento solido dal punto di vista contabile e ricco di progettualità che si concretizzeranno nei prossimi mesi, grazie anche ad una serie di investimenti. Tramite il Bando Regionale ASSET verrà ritoccata la pavimentazione di Piazza San Giorgio, con l’eliminazione della massicciata davanti alla chiesa di S. Giorgio, ma comunque col mantenimento del divieto di sosta sul medesimo sedime; col Progetto Valli Prealpine si lavorerà per riqualificare e, ove possibile, allargare il marciapiede che conduce da Porta Varenna ad Olivedo.

Si proseguirà, poi, col finanziamento del Bacino Imbrifero Montano, al potenziamento dell’impianto di videosorveglianza e si proseguirà con il rifacimento della pavimentazione stradale della centrale via
Venini. In totale, finanziamenti per un totale di ben 256.000 euro, di cui concorrerà con cofinanziamento l’ente comunale per circa 61.900 euro.

Il Sindaco, Mauro Manzoni spiega: «Siamo soddisfatti per l’approvazione in tempi così rapidi del nostro bilancio, documento redatto tramite anche il confronto concreto e costruttivo tra i Consiglieri dei due gruppi. Gli obiettivi sono quelli che sono stati condivisi nell’approvare congiuntamente le linee programmatiche di mandato due anni orsono. Tengo in particolare a sottolineare due elementi di questo bilancio: Villa Cipressi renderà finalmente al Comune, con una cifra di ben 250.000 euro annui che concorreranno sostanzialmente ai nostri introiti e che ritorneranno in opere alla Cittadinanza. Inoltre tengo a ricordare il contributo di Regione Lombardia, nato all’interno dell’esperienza Wikimania, che ci permetterà di riqualificare la Passerella a lago e le zone limitrofe, un luogo di passaggio intenso ed una forte attrattiva per i nostri tanti visitatori, uno dei nostri fiori all’occhiello”, puntando in primis sull’illuminazione.»

Soddisfatto anche il capogruppo di Uniti per Varenna, Paolo Ferrara: «Condividiamo appieno la linea di partecipare a bandi e progetti sovra comunali, in tempi di rigore e scarso finanziamento diretto ai Comuni. In particolare esprimiamo soddisfazione per il lavoro svolto per ottenere il riconoscimento ad Infopoint Regionale del nostro storico Ufficio Turistico. Confidiamo quindi fortemente nel bando a cui abbiamo partecipato per il rifacimento strutturale ed il restyling dell’ufficio. Proseguirà il recupero della Stazione di Fiumelatte, verranno avviati due studi di fattibilità: il primo per lo scalo battelli sempre a Fiumelatte e per un nuovo attracco a lago per i privati, l’altro per l’auspicabile ripristino del Sentiero della Malpaga verso il Castello di Vezio. Infine si proverà a portare a termine la riqualificazione di Prato Spino, per concittadini e turisti».

Tutti i Consiglieri hanno infine indicato in modo deciso la necessità di rinforzare le voci di capitolo destinate a quella che si definisce “piccola manutenzione”, ma che al comune cittadino balza  immediatamente all’occhio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

  • Nuova interdittiva antimafia del Prefetto: colpiti "Lungolago" e "Tabula Rosa"

  • Classe prima a rischio, prof e genitori in assemblea: «Salvate il Liceo Scientifico di Calolzio»

Torna su
LeccoToday è in caricamento