Batteri colifecali: vietato il bagno al Lido di Mandello

Ats Brianza ha comunicato i dati dei campionamenti del 19 e 20 agosto: la nota località non è balneabile. Sempre "off-limits" la spiaggia alla Malpensata per motivi di sicurezza

La spiaggia del Lido di Mandello (Foto Pagina Facebook)

Ats della Brianza ha comunicato gli esiti analitici dei campionamenti nel lago effettuati il 19 e 20 agosto 2019, esprimendo i seguenti giudizi ai fini della balneazione:

COMUNE

LOCALITA'

IDONEITA’ ALLA BALNEAZIONE

Abbadia Lariana

Campeggio

BALNEABILE

Abbadia Lariana

Lido Lariano

BALNEABILE

Bellano

Lido di Puncia

BALNEABILE

Bellano

Spiaggia di Oro

BALNEABILE

Colico

Inganna – LC 53

BALNEABILE

Colico

Lido di Colico

BALNEABILE

Colico

Laghetto Piona

BALNEABILE

Dervio

Campeggio Europa

BALNEABILE

Dorio

Riva del Cantone

BALNEABILE

Dorio

Rivetta

BALNEABILE

Lecco

Località Pradello

BALNEABILE

Lecco

Malpensata

TEMPORANEAMENTE VIETATA PER ALTRI MOTIVI

(non accessibile per motivi di sicurezza)

Lecco

Canottieri

BALNEABILE

Lecco

Rivabella

BALNEABILE

Lierna

Riva Bianca

BALNEABILE

Mandello del Lario

Olcio – LC 18

BALNEABILE

Mandello del Lario

Camping Mandello

BALNEABILE

Mandello del Lario

Lido di Mandello

NON BALNEABILE

Mandello del Lario

Camping Nautilus

BALNEABILE

Oliveto Lario

Spiaggia di Onno

BALNEABILE

Oliveto Lario

Vassena

BALNEABILE

Oliveto Lario

Frazione Limonta

BALNEABILE

Perledo

Riva Gittana

BALNEABILE

Pescate

La Punta

BALNEABILE

Sono due, dunque, le spiagge "off-limits": se quella alla Malpensata non è balneabile per motivi di sicurezza da lungo tempo, novità di questo periodo post-Ferragosto è il divieto al Lido di Mandello, una delle località lacustri più amate e frequentate dai bagnanti nella nostra provincia, per - come conferma Ats Brianza - batteri legati alle feci, con ogni probabilità trasportati dalle intense piogge dei giorni scorsi.

Motivi di sicurezza: il bagno alla Malpensata è ancora vietato

Inoltre, data l’estrema variabilità del fenomeno della fioritura algale (cianobatteri) in relazione alle condizioni climatiche ed atmosferiche, si ribadisce che in presenza di acque torbide, schiume o mucillaggini, o con colorazioni anomale è sconsigliato immergersi.

E’ comunque buona norma, a tutela della salute, adottare i seguenti comportamenti:

  • evitare di ingerire acqua durante il contatto con acque di balneazione;
  • fare la doccia appena usciti dall’acqua provvedendo ad asciugare completamente tutto il corpo, con particolare riguardo alla testa;
  • sostituire il costume dopo il bagno.

​Si sottolinea che il contatto con acque contaminate da cianobatteri potrebbe provocare diversi effetti tra i quali: irritazione delle vie respiratorie e degli occhi (come riniti, asma, congiuntiviti, tosse) e/o disturbi gastrointestinali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoratori egiziani devolvono incasso all'ospedale di Lecco: «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati»

  • «Addio cara mamma, sei stata una donna fortissima»

  • Usmate Velate, schianto tra due auto sulla Provinciale: morto un lecchese di 26 anni

  • I pendolari Trenord lanciano il loro "sciopero": «Un mese tutti senza biglietti e abbonamenti»

  • Elaborazioni, pneumatici, scarichi: a Lecco è scoppiata la passione per il "tuning"

  • Lurago D'Erba: incidente mortale, muore una donna di Brivio

Torna su
LeccoToday è in caricamento