Come aprire un Bed and Breakfast: procedure da seguire

Scopriamo insieme cos’è un B&B, quali sono requisiti, e quali sono le norme e le procedure da seguire per avviare un’attività di questo tipo

Oggi, il mercato dell’ospitalità “home made” si è allargato molto, e tanti hanno deciso di aprire un bed and breakfast o trasformare la propria casa in un B&B. I viaggiatori che decidono di alloggiare in un B&B, lo fanno principalmente per sentirsi a casa, per avere quel senso di ospitalità tipico di un bed and breakfast. 

Secondo le norme vigenti, si tratta di un’attività ricettiva gestita da privati a conduzione familiare, che mettono a disposizione di ospiti le proprie abitazioni, con periodi di aperture annuali o stagionali, e con un numero di camere limitato, sulla base di leggi regionali o regolamenti comunali specifici. Per aprire un B&B infatti, la prima cosa da fare è quella di consultare la Legge Regionale in materia. 

Come aprire un’attività di B&B

Una volta consultata la specifica Legge Regionale in materia, si dovrà ritirare o scaricare la modulistica necessaria per la Dichiarazione di Inizio Attività, recandosi allo sportello SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) del Comune di pertinenza o scaricando i moduli tramite Internet.

La SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) è una nuova procedura che ha un vantaggio notevole rispetto a quella precedente. Infatti, una volta comunicata la SCIA, l’apertura della struttura ricettiva sarà immediata. Alla SCIA andranno allegati i documenti necessari per completare la pratica, allegati che variano da regione a regione. Tra questi non mancherà la planimetria e la polizza assicurativa. 

Successivamente basterà rivolgersi agli Uffici Turistici di competenza, che definiranno ufficialmente la classificazione della tua struttura, dando indicazioni su come monitorare gli ospiti per le Autorità di Pubblica Sicurezza. 

Quali requisiti deve avere l’alloggio?

Considera che ospiterai delle persone nella struttura appena creata, quindi dovrai sottostare a regole di tipo urbanistico-edilizie e igienico-sanitarie, per garantire la sicurezza degli ospiti, oltre a individuare dei requisiti minimi delle stanze. 

In linea generale, i requisiti richiesti, pur variando da regione a regione sono: 

- 14 mq per la camera doppia, 8 mq per la singola 

- È prevista una superficie minima in rapporto ai posti letti

- Obbligo di pulizia quotidiana dei locali o di indicazione della cadenza del cambio lenzuola (sempre ad ogni cambio dell’ospite)

- Limite minimo di 3 camere e un massimo di 6, con grandi differenze da regione a regione 

- In alcune Regioni le norme richiedono che nelle stanze siano presenti armadio, comodini, lampade, sedie, cestini ecc. 

- Autonomia da parte degli ospiti nel poter accedere alla propria stanza senza attraversare altre camere da letto, o servizi destinati alla famiglia o ad altri ospiti 

- Anche i bagni devono offrire attrezzature minime (vasca da bagno, doccia, specchio con presa di corrente, lavabo, water)

- È prevista la prima colazione privilegiando l'utilizzo dei prodotti agricoli regionali

Di norma viene richiesto anche che il titolare del B&B abbia la residenza (o il domicilio durante il periodo di apertura del B&B) presso la propria struttura. Alcune Regioni consentono la residenza anche in altri immobili vicini alla struttura, ma è comunque sempre richiesta la reperibilità.

Per rispettare il carattere saltuario dell'attività è prevista un'interruzione per un certo numero di giorni, anche non consecutivi, nel corso dell'anno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato senza vita in un campo nei pressi della SS36

  • Scrive il messaggio d'addio su Instagram e va sul ponte Kennedy: giovane salvata in extremis dai poliziotti

  • Bonus Tari 2020: a chi spetta lo sconto sulla tassa rifiuti, e come fare domanda

  • Altro vento forte in arrivo sul Lecchese: chiudono i parchi della città

  • Panino mio, quanto mi costi! Lecco in vetta alla speciale classifica, Trani chiude la fila

  • «Mi ha fermato mentre ero in auto e si è finto bisognoso di aiuto per truffarmi 10 euro»

Torna su
LeccoToday è in caricamento