Perturbazione in transito sul Lecchese, scatta l'allerta neve

Diramato bollettino valido dalle ore 18 di oggi sino alle 6 di venerdì 6 marzo. La quota neve si abbasserà fino a 600 metri. In montagna persiste il pericolo valanghe "marcato"

Temperature in calo e perturbazione in transito, anche sul Lecchese scatta l'allerta per neve. La sala operativa di Protezione civile della Regione Lombardia ha infatti diramato un bollettino di colore giallo (criticità ordinaria) per il territorio di Prealpi comasche e lecchesi valido dalle ore 18 di giovedì 5 marzo alle 6 di venerdì 6 marzo.

La sintesi meteorologica

Una saccatura nordatlantica in discesa sull'Europa occidentale favorisce condizioni instabili a partire dalla tarda mattinata di oggi 05/03. Precipitazioni diffuse in particolare nella seconda parte della giornata odierna e più intense tra il tardo pomeriggio e la sera, con quantitativi compresi omogeneamente tra 10 e 20 mm su tutta la regione.

L'intensificazione delle precipitazioni tra il tardo pomeriggio e la sera di oggi, 05/03, favorisce sull'arco alpino e prealpino lombardo anche l'abbassamento dello zero termico e della quota neve, che potrebbe nel corso della serata portarsi fino a circa 600 metri e, sui settori occidentali e nelle valli alpine anche fino a 300-400 metri. Gli accumuli al suolo saranno compresi tra 10 e massimo 20 cm sui settori prealpini centro orientali a partire da quota 900 metri, tra 5 e 10 cm a quote inferiori tra 600 e 900 metri; sui settori occidentali possibili accumuli più contenuti. 

Possibili fiocchi o al più qualche centimetro di neve al suolo a quote tra 300/400 e 600 metri (NV-09, NV-10, NV-12) e nei fondovalle alpini. Per la giornata di domani, venerdì 06/03, deboli precipitazioni nevose nella notte con accumuli non oltre 1-3 cm, in esaurimento nel corso della mattinata salvo residue deboli nel pomeriggio sui crinali di confine. Intensificazione della ventilazione sui settori occidentali oltre i 700 metri di quota.

Meteo: torna la neve in alta quota, a Lecco chiudono i parchi a causa del forte vento

Persiste sulle nostre montagne, in relazione al bollettino emesso oggi dal Centro Nivometeorologico di Arpa Lombardia, il pericolo di valanghe che rimane stazionario sul livello "marcato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iperal, dipendenti in stato di agitazione: «Nessuna chiusura festiva, controlli sospesi e pochi dispositivi di protezione»

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Lecco sono centomila

  • Coronavirus, Borrelli sposta la fine della quarantena: «Credo che staremo a casa anche il primo maggio»

  • Sconti per famiglie in difficoltà e corsie preferenziali: le misure di Esselunga contro il Coronavirus

  • Coronavirus, ecco l'applicazione per il cellulare: «Vi chiediamo di scaricarla tutti»

  • Coronavirus, Fontana: «Bisogna prepararsi se il Coronavirus dovesse tornare a ottobre»

Torna su
LeccoToday è in caricamento