Pericolo temporali sul Lecchese: si alza il livello d'allerta della Protezione Civile

Stando a quanto spiegato dal CML, non dovrebbe essere a rischio l'attesa giornata di Ferragosto, il Capodanno d'estate

Come ben spiegato dal Centro Meteorologico Lombardo, un sistema frontale freddo di origine nord-atlantica, particolarmente strutturato, muove in direzione dell’Europa Centrale. Parte di queste masse fresche ed instabili, scivolando in senso meridiano lungo la Francia e quindi verso il Mar Tirreno, saranno responsabili di una fase perturbata abbastanza intensa e diffusa su gran parte delle regioni italiane, non senza forti criticità per violenti temporali. Lunedì pomeriggio/sera toccherà alle regioni settentrionali, quindi nella notte e mattino su martedì 14 alla Toscana (rischio alluvionale in Lunigiana), quindi verso il primo pomeriggio ad Umbria, Marche, quindi nel tardo pomeriggio Abruzzo e parte del Lazio, con qualche fenomeno sparso entro sera tra Molise e Puglia settentrionale.

Mercoledì 15 (Ferragosto) il maltempo abbandonerà le regioni nord-occidentali: spazio al sole, con qualche disturbo nuvoloso in prima mattinata nelle province a ridosso dell’Emilia Romagna. Perturbato, invece, sulle Adriatiche e localmente (specie nel pomeriggio) nelle regioni meridionali.
A seguire, attendiamo una nuova moderata fase instabile da venerdì 17 agosto (da confermare), con possibilità di rovesci in particolare in fascia alpina e prealpina.

Rischio temporali per lunedì

Già dalle prime ore della giornata isolati rovesci avranno luogo negli estremi settori nord-occidentali (Varesotto, Canton Ticino, Lario, Valchiavenna) ed in modo sporadico in fascia prealpina e pedemontana. Generalmente soleggiato o variabile altrove. Ad ogni modo la fase “critica” prenderà vita a partire dal pomeriggio ed interesserà in modo particolare la fascia padana. Sul Lecchese si rovesceranno temporali a partire da, circa, le ore 15 sino alla prima serata odierna.

In serata osserveremo una generale attenuazione dei fenomeni, seppur con nuovi rovesci sparsi (a carattere moderato) in particolare nei settori occidentali.

A seguire, martedì 14 attendiamo soleggiamento su buona parte della regione, fatta salva nuvolosità residua nei settori meridionali ed orientali. Entro il pomeriggio nuova instabilità convettiva sarà responsabile di rovesci e temporali sparsi in discesa dalla fascia prealpina verso le pianure (in modo particolare quelle centro-orientali, ma anche localmente Brianza e Milanese), seppur senza particolari criticità.

Mercoledì 15, come già detto, residua nuvolosità nei settori meridionali oltre-padani, ma con tempo in rapido miglioramento, quindi ottime possibilità di sole con qualche addensamento cumuliforme pomeridiano relegato quasi esclusivamente ai rilievi.

Allerta meteo della Protezione Civile

L'organismo, interno alla Regione Lombardia, ha diramato l'allerta per il rischio di temporali forti con codice arancione (criticità moderata) per il Lario e le Prealpi Occidentali. Attenzionata la medesima zona (IM-05) per il rischio idrogeologico. Giudicato assente, invece, il rischio idraulico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Ponte San Michele, Regione soddisfatta: «Funziona il servizio navetta»

  • Meteo

    Violenti temporali e raffiche di vento: scatta l'allerta maltempo sul Lecchese

  • Cronaca

    Autovelox mobili sulla Statale 36: ecco quando sono in programma i controlli

  • Cronaca

    Pasqua con il vandalo: sfregiata la statua della Madonna sul Monte Barro

I più letti della settimana

  • Catturato nelle acque del Lago di Annone un pesce siluro da record

  • Notte tragica: ritrovato cadavere nel lago di Annone

  • Lecco-Pradello: aperto il primo tratto della ciclopedonale che porterà nel cuore di Abbadia

  • Incidente nell'Attraversamento: traffico bloccato sulla Statale 36

  • Cosa fare nel weekend pasquale a Lecco e provincia

  • Carne, pesce, vino e tanto altro: una grigliata lunga 20 metri e 13 giorni a due passi dalla provincia di Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento