Mercato auto: immatricolazioni diminuite nel 2020

Le immatricolazioni delle auto in Europa sono diminuite del 7,5% nel primo mese del 2020. Vediamo quali sono i brand più venduti e quelli meno apprezzati

Arrivano i primi dati sulle vendite di auto nuove nel 2020: a gennaio le immatricolazioni sono diminuite del 7,5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

Scendendo nel dettaglio, nei Paesi dell’Unione Europea le vendite sono scese da 1.034.407 a 956.779 unità.

Per quanto riguarda i vari Stati, spicca la Francia con una riduzione del 13,4%. Germania e Regno Unito hanno perso il 7,3%, la Spagna il 7,4%. l'Italia ha, invece, il risultato migliore con una contrazione del 5,9%.

Occupiamoci ora dei marchi automobilistici. Volkswagen è il brand più apprezzato in Europa con 254.872 nuove immatricolazioni di auto. Il Gruppo tedesco ha perso solo lo 0,4% rispetto a gennaio 2019. Al secondo posto troviamo PSA, che ha perso il 12,9%, seguito da Renault in calo del 16,3%. 

Notizie negative anche per FCA (-6.7%), in particolare spicca il brand Alfa Romeo che ha registrato una riduzione delle vendite del 29,6%. In flessione anche Mercedes e Smart (-10,4%) e Ford, che ha perso il 22,7%.

Segnaliamo infine BMW, marchio cresciuto del 5,2% con 61.244 vendite, e Toyota che ha registrato un +12,2% con 60.355 nuove auto.

Accessori auto: i più venduti sul web

AmazonBasics Rivestimento per sedile dell'auto

Organizer Bagagliaio Auto

Profumatore Umidificatore

Kit di Primo Soccorso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate in arrivo, come allontanare le formiche da casa utilizzando rimedi naturali

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

Torna su
LeccoToday è in caricamento