Surriscaldamento del motore: quali sono le cause e come risolvere il problema

Il surriscaldamento motore è un inconveniente che può essere provocato da molteplici fattori. Vediamo quali sono le cause e i possibili rimedi

Il motore della nostra auto si scalda improvvisamente, il cofano inizia a fumare e la macchina non ne vuole sapere di ripartire: cosa fare in queste situazioni? 

Ritrovarsi a dover fronteggiare questo problema non è certo facile, senza contare che un guasto al sistema di raffreddamento della macchina, potrebbe causare danni molto costosi al nostro veicolo. 

Vediamo cosa fare per rimediare almeno temporaneamente al problema. 

Le cause

Il motore di un’automobile potrebbe surriscaldarsi a causa di un malfunzionamento dell’impianto di raffreddamento, il quale non riesce più a mantenere il motore entro una certa temperatura. Oppure potrebbero esserci delle perdite nel circuito di raffreddamento dell’automobile. 

Ma non solo, potrebbe verificarsi un surriscaldamento del motore anche qualora il veicolo sia fortemente affaticato, come quando si percorrono lunghi tragitti senza sosta, o qualora la vettura stia viaggiando su sentieri impervi e ripide salite.

Come riconoscere il problema 

Quando il motore si surriscalda, il primo sintomo è sicuramente la classica classica ‘fumata nera‘ che esce all’improvviso dal vano motore. Può essere riconosciuto anche da una netta perdita di potenza nelle prestazioni del veicolo. 

Nel caso in cui funzioni male l’impianto di raffreddamento dell’auto, si accenderà invece la spia rossa della temperatura dell’acqua, medesimo segnale di allerta anche in presenza di problemi nel circuito di raffreddamento. 

Rimedi

Se non si pone rimedio immediatamente al surriscaldamento motore, l’automobile può andare incontro a danni anche irreparabili. È quindi opportuno intervenire il prima possibile.

Nel caso di malfunzionamento dell’impianto di raffreddamento o di perdite nel circuito di raffreddamento bisogna subito accostare, fermare il veicolo, aprire il cofano e far circolare l’aria per far disperdere il calore in eccesso nel motore. 

Anche se la situazione dovesse normalizzarsi, il consiglio è quello di fermarsi in una piazzola di sosta per verificare il livello del liquido refrigerante. 

Se non si può fermare subito l’automobile, ridurre il sovraccarico spegnendo l’aria condizionata, accendendo l’impianto di riscaldamento al massimo o aprendo i finestrini con le prese d’aria verso l’esterno, ed evitando accelerazioni o brusche frenate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ordinanza diventa più breve: ridotta di dieci giorni la durata, mantenuti i divieti

  • Importante scoperta sul Coronavirus: nell'équipe svizzera c'è un mandellese

  • Addio a Mario La Barbera, colonna dei Volontari del Soccorso di Calolzio

  • Tragedia a Valmadrera: addio al consigliere comunale Pamela Cazzaniga

  • Coronavirus, il punto. Nel Lecchese oltre cento tamponi positivi in un giorno, quasi seimila decessi in Lombardia

  • Il territorio olginatese piange la dottoressa Anna Maria Focarete, medico di base per oltre 30 anni

Torna su
LeccoToday è in caricamento