Il Gruppo Omet premia gli studenti meritevoli

Consegnate 27 borse di studio ai figli dei dipendenti dell'azienda che hanno ottenuto risultati eccellenti. Il presidente Bartesaghi: «Riconoscere il merito è fondamentale»

La premiazione organizzata dal gruppo OMET.

Il Gruppo Omet premia gli studenti meritevoli. Nei giorni scorsi sono state infatti consegnate 27 borse di studio ai figli dei dipendenti delle aziende Omet - 24 borse - e O-Pac - 3 borse - che frequentano scuole superiori o università e hanno ottenuto risultati di eccellenza nell’anno scolastico 2017/2018. L'iniziativa, proposta ormai da diversi anni, risponde all'attenzione che da sempre l'azienda lecchese dimostra nei confronti dei propri dipendenti e delle attività di formazione dei giovani.

Straordinario risultato per Autocogliati: è la miglior concessionaria Skoda dell'anno

«Omet cerca di essere vicino ai giovani e di promuovere la loro formazione perché è sempre alla ricerca di nuovi talenti da inserire in azienda - ha sottolineato il presidente del Gruppo Omet Antonio Bartesaghi - Così nasce il desiderio di premiare coloro che, già a livello scolastico, dimostrano di saper ottenere eccellenti risultati dando il massimo per centrare il traguardo prefissato, indipendentemente dal percorso formativo che hanno scelto. Con queste borse di studio vogliamo riconoscere e premiare il merito dei figli dei nostri collaboratori in qualsiasi ambito scolastico, non solo per gli indirizzi tecnici: riconoscere il merito non è sempre facile, soprattutto in aziende di grandi dimensioni, ma è fondamentale. Un bravo imprenditore deve saperlo fare per assicurare futuro alla propria azienda».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Trovato un cadavere nell'Adda: si teme sia quello di Nicola Scieghi

Torna su
LeccoToday è in caricamento