I parchi di Pescate piacciono sempre più, ora arrivano anche i giochi inclusivi

L'Amministrazione potenzierà i propri parchi gioco, molto frequentati da bambini e famiglie. Frecciata del sindaco De Capitani ai colleghi: «Sistemate anche i vostri»

Il nuovo manifesto che verrà affisso in paese per promuovere i giochi presenti in paese.

Pescate investe nei parchi gioco per bambini. Non solo strutture, ma anche la promozione del servizio con manifesti giganti di sei metri per tre che verranno affissi in paese dal 17 settembre. E un servizio ad hoc sarà rivolto ai piccoli diversamente abili con la sistemazione di nuovi “giochi inclusivi”.

Giochi inclusivi, un bando della Regione per ottenere finanziamenti

«In sette anni l’Amministrazione comunale ha speso quasi 50.000 euro in giochi, a volte con fondi nostri, a volte vincendo bandi regionali - commenta il sindaco Dante De Capitani - Oltre ad acquistare questi impianti dobbiamo farci carico di manutenzione e pulizia. Siamo inoltre intenzionati a partecipare all'ultimo bando regionale sui giochi inclusivi, in scadenza il prossimo 10 settembre, cioè quei giochi su cui possono salire i bambini disabili, ma purtroppo il bando è aperto solo ai comuni dai 10.000 ai 30.000 abitanti e quindi non potremo concorrere. Metteremo comunque lo stesso due di questi giochi con soldi nostri, uno al parchetto Marco e l'altro al parchetto Luca la prossima primavera, in modo da far giocare tutti i bambini insieme negli stessi spazi».

Il primo cittadino si appella poi ad altri colleghi sindaci del territorio affinchè queste strutture vengano potenziate e meglio curate anche in altri comuni.

«Colleghi sindaci sistemate ed abbiate più cura dei vostri parchi gioco, altrimenti i nostri si usurano - aggiunge De Capitani andando dritto al dunque -  I parchi gioco di Pescate infatti sono sempre presi d'assalto, specialmente in questo fine agosto. Su alcune attrazioni come lo scivolo elicoidale del parchetto Marco alle Torrette o le torri a ponte del parchetto Luca c'è la fila per salire. I nostri tre parchi gioco bimbi a lago sono festosamente  frequentati da decine e decine, e a volte centinaia, di bambini ogni giorno. Una buona  parte proviene dal Milanese, ma la maggior parte sono residenti dei paesi del circondario. Alcuni di questi genitori che incontro mi ringraziano di aver messo giochi così belli, nuovi e curati, e dicono di venire a Pescate perché quelli presenti nei loro paesi sono spesso trascurati e rotti - incalza il sindaco di Pescate - Noi ospitiamo volentieri tutti perché Pescate è il paese dei bimbi felici, anche quelli degli altri paesi, ma è indubbio che alcuni miei colleghi dovrebbero prestare maggiore attenzione ai loro parchi gioco. E poi se alcuni miei colleghi, nel frangente, non ascolteranno, pazienza. I loro bambini qui da noi saranno sempre  i benvenuti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 89 casi in Lombardia. Domenica si ferma tutto lo sport anche a Lecco

  • Coronavirus: scuole chiuse nel Lecchese, supermercati presi d'assalto. Al "Manzoni" il contagiato valtellinese

  • Coronavirus: 173 casi in Lombardia, sei decessi. Migliorano le condizioni del giovane al "Manzoni". Treni: -60%

  • In arrivo ordinanza della Regione per chiudere le scuole in Lombardia

  • Coronavirus, nuovo bollettino: quattordici contagiati, MilanoToday intervista il paziente "zero"

  • Lecchese positivo al Covid-19: è un dipendente della Snam di San Donato

Torna su
LeccoToday è in caricamento