Poliambulatorio, disagi per l'obbligo di pagare i ticket con carta di credito o bancomat

"Cambia Calolzio" si rivolge all'ASST e al Prefetto: «Problemi soprattutto per gli anziani, pure in caso di piccole somme. Venga data la possibilità di utilizzare anche denaro contante»

Il distretto sanitario della frazione di Sala a Calolziocorte.

Disagi al poliambulatorio della frazione di Sala per l'obbligo di pagare i ticket con carte di credito o bancomat. Il gruppo civico Cambia Calolzio ha deciso di rivolgersi all'ASST e al Prefetto per chiedere di rendere possibile anche l'utilizzo di denaro in contante, pensando soprattutto agli utentu anziani e alle somme di piccola entità. Secondo Diego Colosimo, Giuliano Barachetti e Daniele Vanoli (portavoce di Cambia Calolzio), la scelta di puntare sulla moneta elettronica per la tracciabilità è giusta, ma senza obblighi vincolanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche a Lecco i ticket sanitari si pagano con bancomat o carte di credito

«Siamo intervenuti rivolgendoci al Prefetto di Lecco e alla responsabile comunicazioni esterne della nostra ASST di Lecco/Brianza per chiedere di sopprimere l’obbligatorietà di pagare i ticket per le prestazioni sanitarie solo con carte di credito o bancomat - spiegano in un comunicato Colosimo, Barachetti e Vanoli - Al Distretto sanitario di Calolziocorte molti utenti sono stati rimandati a casa perché, sprovvisti di carte di credito o di bancomat, non hanno potuto pagare il ticket, in genere di piccola entità, con la moneta corrente. A meno che non si considerino i pensionati e i bisognosi di cure dei riciclatori o grandi evasori che operano in “nero”, il permettere di pagare microsomme in contanti è quanto meno dovuto anche perché lo prevedono le leggi e le disposizioni vigenti in materia. Ora, è capibile che l’ASST si organizzi al meglio delle possibilità operative e che l’uso di carte di credito e bancomat possa essere per gli utenti anche una comoda alternativa al contante, oltre che utile per un accesso ai servizi più agevole, ma non è comprensibile e condivisibile non permettere i pagamenti con moneta contante. Per rimuovere questa  impostazione abbiamo scritto al Prefetto, che è secondo noi deputato per intervenire in materia e all’ASST, perchè riveda quanto prima l’obbligatorietà del pagamento solo con moneta elettronica». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel cuore della città: trovato senza vita il Pubblico Ministero Laura Siani

  • Statale 36: violento incidente a Nibionno, gravi le condizioni di due biker

  • Si ribaltano con l'automobile all'interno dell'Attraversamento: due feriti

  • Bisone: grave incidente davanti al benzinaio, sessantenne ricoverato in codice rosso

  • Morte Siani, gli investigatori sulle cause della scomparsa: «Prevale l'ipotesi del suicidio»

  • Coronavirus, arriva il bonus vacanze: ecco come funziona

Torna su
LeccoToday è in caricamento