Quattro giorni con gli alpini per i ragazzi della Valle San Martino

A Vercurago si è aperto il campo scuola "Rispetto e natura". Coinvolti oltre 250 partecipanti tra grandi e bambini: vita in tenda, escursioni, alzabandiera. Il coordinatore Stefano Casetto: «Cresciamo ogni anno di più, felici di promuovere i valori alpini»

Ben 180 bambini e ragazzi coinvolti, 40 caporali all'opera, 30 istruttori schierati, un'altra ventina di volontari impegnati nella cucina e nell'organizzazione. Sono i numeri del Campo scuola "Rispetto e Natura", la grande iniziativa promossa dagli alpini della valle San Martino e aperta agli alunni di quarta, quinta elementare e prima media del territorio.

La quinta edizione ha preso il via oggi a Vercurago negli spazi tra la scuola media di via San Girolamo, la sede del Gev Lumaca e gli ampi spazi verdi circostanti. Qui sono state allestite le tende dove i bambini dormiranno, gli spazi dove giocheranno e proveranno le esercitazioni insieme alle penne nere. Spazio quindi a prove di arrampicata, escursioni fino a San Girolamo (per i più grandicelli fino al Passo del Fò), orienteering, ponti tibetani, schieramenti in stile alpino, canti e giochi. Il tutto sotto lo sguardo attento del team di penne nere guidate dal coordinatore Ana Valle San Martino Stefano Casetto, e dal Consigliere sezionale di Bergamo Stefano Biffi, oltre ai dirigenti dei gruppi del territorio.  

Torna il campo scuola degli alpini, in tanti alla presentazione del video

«Numericamente siamo cresciuti ancora e come alpini siamo contenti di proporre questa iniziativa aperta alle famiglie e ai ragazzi poco prima delle vacanze - commenta Stefano Casetto, coordinatore del Campo - Si tratta di un'occasione importante per promuovere i valori cari alle penne nere come la solidarietà, l'amore per l'Italia e quelli simboleggiati dal tricolore. Educhiamo al rispetto per la natura, al fare squadra, al lavorare insieme. Abbiamo inoltre tanti giochi: in questo campo c'è infatti spazio anche per il divertimento e la formazione con lezioni sulla sicurezza e su come muoversi in montagna».

Da quest'ultimo punto di vista molto importanti sono le lezioni con i Volontari del Soccorso e il Soccorso Alpino, senza dimenticare le altre associazioni, enti locali e gruppi che stanno collaborando all'evento: Cai, Guardie Ecologiche, Antincendio Boschivo, "Lo Specchio Magico" con il progetto "Porcospini", Polizia locale, Comune, Comunità montana. E soprattutto loro, i volontari dei gruppi alpini di Calolziocorte, Torre De' Busi, Carenno, Erve, Monte Marenzo e Vercurago, senza dimenticare le persone impegnate in cucina. La manifestazione si è aperta questa mattina alle 9 con l'alzabandiera e l'Inno Nazionale cantato dai ragazzi e dai loro capisquadra davanti al cippo raffigurante il simbolo del campo "Rispetto e natura" e il nuovo monumento a tema appena inaugurato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Stiamo lavorando da mesi a questa iniziativa nella speranza di offrire un'altra bella esperienza ai giovani partecipanti - conclude Stefano Casetto - Proseguiremo fino a domenica con la messa alla mattina e il grande corteo aperto alla cittadinanza e alle autorità che prenderà il via nel pomeriggio dal piazzale Figini sul Lungoadda. Vi aspettiamo numerosi». Intanto le bandiere italiane sventolano già per il paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

Torna su
LeccoToday è in caricamento